Ma Di Filippo che fine ha fatto? Con Sanderra anche Di Pasquale col contagocce, ma c’è Mattia


L’allenatore ex Latina ha ristabilito alcune gerarchie tra difesa e centrocampo: zero minuti nel 2017 per l’ex Lanciano. Meno spazio anche per Lulli, che però domenica può tornare titolare…

Quando si succedono i cambi di allenatore nel corso della stagione si sa che possono cambiare diverse cose all’interno di una squadra: non solo trame di gioco e metodi di allenamento, ma anche gerarchie.

La Samb non costituisce un’eccezione a questa regola non scritta del calcio: lo sanno bene giocatori che con Ottavio Palladini erano stati pressoché inamovibili ed ora si ritrovano spesso in panchina, oppure altri che hanno fatto il percorso inverso da quando sulla panchina rossoblù si è seduto Stefano Sanderra. Nicolas Di Filippo e Luca Lulli, ad esempio, sono stati alcuni dei pilastri su cui Palladini aveva costruito le basi per una prima parte di stagione strabiliante, almeno fino alla crisi invernale culminata con i ko interni con Ancona e Maceratese.

COL CONTAGOCCE – Il difensore nato a Guardiagrele nel 1993 ha collezionato ben 18 presenze nelle prime 21 giornate di campionato; nel 2017, però, non ha ancora disputato un solo minuti di campionato. Non è andata molto meglio al centrocampista, anche per via di qualche infortunio: dopo la presenza da titolare nella sconfitta col Venezia l’ex Savona ah rivisto il campo soltanto nella trasferta si Salò (dopo due gare ai box), partendo comunque dalla panchina. Con la Reggiana, però, potrebbe tornare titolare (qui le ultime in casa Samb).

STAFFETTA GIOVANE – Oltre al caso di Di Filippo, però, c’è un altro difensore che con l’arrivo di Sanderra ha visto ridimensionarsi il minutaggio: Davide Di Pasquale, due presenze e soli dodici minuti giocati dopo le dimissioni di Palladini. Il suo scarso impiego (e anche quello di Radi) ha permesso a Simone Mattia di ritagliarsi uno spazio sempre più importante nello scacchiere rossoblù: chiari esempi di come un cambio di allenatore possa sovvertire determinati equilibri di squadra.

Redazione

Condividi questo post: