Lecce-Samb, IL COMMENTO: questo è soltanto l’inizio


Gli applausi che calciatori e tifosi si sono scambiati al termine del match del Via del Mare sono il modo migliore per salutarsi e dirsi “ci riproveremo”. Ora si può programmare e sognare…

Gli applausi che a fine partita i giocatori della Samb hanno scambiato con i loro tifosi non sono messaggi di addio (al di là di ciò che accadrà in sede di calciomercato), ma di arrivederci. La prestazione del Via del Mare, assieme a quella gagliarda fornita nel fantastico Riviera delle Palme domenica scorsa, è il più bel modo per dirsi "ci riproveremo". In questa emozionante appendice di stagione la squadra di Sanderra ha ritrovato quell'orgoglio e quella cattiveria agonistica che amano i tifosi e che ha riportato entusiasmo in tutto l'ambiente. Il sogno è svanito, ma la Samb torna dal Salento con la dignità di chi se l'è giocata alla pari contro un colosso come il Lecce, dando l'anima fino all'ultimo minuto ed uscendo imbattuta nel doppio confronto. Nella tana dei lupi di Rizzo i rossoblù hanno certamente pagato lo scotto fisico del terzo impegno nell'arco di tre giorni (il Lecce, secondo in regular season, aveva riposato nel primo turno): l'inevitabile calo atletico è stato evidente nella ripresa quando i padroni di casa si sono ritrovati lande deserte dalle parti di Pegorin , pur non riuscendo a superare la difesa stoica del giovane portiere. Gente come il Pego e come i vari Vallocchia e Rapisarda è gente su cui puntare per costruire quel futuro a cui tutti aspirano. Ora, infatti, per Franco Fedeli arriva il momento della programmazione: il presidente rossoblù, che ha dichiarato di voler puntare più in alto il prossimo anno, dovrà essere bravo a non commettere gli stessi errori del recente passato. Per il resto, al popolo sambenedettese non resta che passare ora un'altra estate "tranquilla", fantasticando su allenatori e giocatori piuttosto che cordate, cordatine e cordatelle come si era fatto fino a qualche anno fa. E chissà che il 2018 non sia l'anno Buono.

Gi.Bo.

Commenti
Condividi questo post: