La Samb torna a scuola: al via il progetto ‘Il calcio e le ore di lezione’


Tra le tante iniziative promosse dalla Lega e dalla FIGC e sposate dalla Samb si ripresenta “Il Calcio e le ore di lezione”. Il progetto vuole portare nelle scuole la valorizzazione di importanti temi cardine. Tra questi il rispetto, il fair play, l’inclusione, la non violenza e il tifo corretto. L’attuazione di questi modelli passa anche attraverso delle linee guida.
– FORMAZIONE: divulgazione di comportamenti responsabili rivolgendosi a insegnanti, studenti e famiglie;
– CALCIO PER TUTTI: promuovere la partecipazione attiva di tutti (Ragazze – Ragazzi – Abili e diversamente abili – Etnie diverse);
– FAIR PLAY: educare al rispetto di se stessi, al rispetto per gli altri, al rispetto per le regole;
– OPPORTUNITÀ: sensibilizzare i giovani sui temi legati al valore educativo dello sport, al fair play, al tifo corretto corretto e all’inclusione.

Il progetto è volto a formare chi sarà il tifoso del futuro, senza snaturare il concetto del tifo in se. Da questo punto di vista sarà fondamentale la presenza dello SLO (Supporter Liaison Officer). Nella Samb è la figura che ricopre Pietro Bassi. Durante gli incontri formativi illustrerà agli studenti il rapporto tra il club e i tifosi, assicurandone la corretta informazione ed il miglioramento della stessa.

«Vogliamo – spiega Bassi – far capire ai ragazzi che andare allo stadio è un divertimento, un momento di svago per incitare la propria squadra senza gesti estremi o atti di violenza».

Una delle novità introdotte in questa stagione dalla Samb è anche la presenza di una squadra femminile. Il ritorno delle rossoblù testimonia che il calcio è uno sport fondamentalmente di aggregazione ed un momento di svago per tutti.

 

Il primo appuntamento è previsto per giovedì 15 marzo presso la scuola primaria Cappella.

Condividi questo post: