La Samb e la solita crisi di inizio anno



Anche in questo 2020 il periodo tra gennaio e febbraio si è confermato il più difficile per la Samb della gestione targata Franco Fedeli. Confermato, perché il trend accusato in queste ultime settimane dalla squadra di Paolo Montero è simile, anche se ancor più negativo, rispetto a quello fatto registrare nelle ultime stagioni di Serie C.

IL PRIMO ANNO DI C – Nella stagione 2016/17, quella del ritorno tra i professionisti dopo il successo in Serie D nell’anno precedente, il periodo tra gennaio e febbraio vide Stefano Sanderra, appena subentrato ad Ottavio Palladini, raccogliere 5 punti in 5 partite (1 vittoria, 2 pareggi e 2 sconfitte).

UN TREND CONFERMATO – La media di un punto per gara si è ripetuta sotto la gestione di Ezio Capuano (subentrato a Montero, poi richiamato nell’ultima giornata di regular season) l’anno successivo: tra gennaio e febbraio 6 partite e 6 punti, frutto di 1 vittoria, 3 pareggi e 2 sconfitte. Stessa media punti anche con Giorgio Roselli (che prese il posto di Magi, ma anche lui non durò fino a maggio): 7 partite e 7 punti frutto di 1 vittoria, 4 pareggi e 2 sconfitte.

STAVOLTA ANCHE PEGGIO – Con Paolo Montero, unico allenatore scelto ad inizio stagione da Franco Fedeli a “sopravvivere” al Capodanno, il trend negativo si è confermato ancora una volta. Nelle 7 partite disputate finora la sua Samb ha ottenuto 5 punti, frutto di 1 vittoria, 2 pareggi e 4 sconfitte.


Condividi questo post: