La grinta di Di Pasquale: «Noi vogliamo sempre vincere. Grande aiuto dai compagni più esperti»


Le parole del difensore rossoblù: «Con l’Albinoleffe non mi aspettavo di essere titolare. Non è detto che una coppia con me e Mattia debba per forza soffrire sui colpi di testa»…

Davide Di Pasquale ha collezionato 15 gettoni di presenza nel girone B di Lega Pro con la maglia della Samb. Tanta fiducia da Ottavio Palladini ad inizio stagione, poi un vuoto sotto la guida Sanderra che, complice l'assenza di Mori, ha deciso di dargli spazio nell'undici di Bergamo:

«Non mi aspettavo di giocare titolare. In settimana lavoro sempre al meglio e ho sfruttato al massimo questa possibilità . Stare fuori è brutto, ma sono scelte che spettano al tecnico e in questi casi è fondamentale dare tutto in campo. Con Mattia mi trovo bene, come con gli altri perché prima che ottimi giocatori sono bravissimi ragazzi».

Rispetto alla coppia Mori-Radi, lunedì sera, sono mancati tanti centimetri dietro. Non sembra essere un problema per il difensore abruzzese:

«Non avere centimetri non significa non essere bravi colpitori di testa. Questo, credo, sia un concetto tipicamente italiano da sfatare».

Non una partita brillante, certo, ma nel piccolo si è vista una Samb capace di coprire e ripartire, ordinata nel gioco e ben coordinata nei reparti:

«Abbiamo sofferto un po' nel primo tempo, poi nella ripresa siamo riusciti a giocare meglio e il loro portiere è stato bravo in diverse occasioni. Si è portato a casa un risultato positivo».

Il compito era quello di non far rimpiangere Mori. Ci è riuscito, ma dietro potrebbe esserci la mano di qualche compagno. Appunto…

«I miei compagni mi hanno aiutato tanto, specie quelli più esperti come Sabatino e Mori, che in questo ultimo periodo mi ha seguito molto».

Sabato ci sarà una partita dura e la corsa al sesto posto non deve fermarsi dopo la caduta subita a Teramo:

«Il Modena è una grande squadra guidata da un ottimo allenatore e all’andata ci ha messo molto in difficoltà. Loro giocano con il 3-5-2 e credo dovremo cambiare qualcosa a livello tattico. A Teramo siamo stati sfortunati, non meritavamo di perdere. Ce la mettiamo sempre tutta e giochiamo per portare a casa il risultato. Ci può stare tutto in campo, ma il nostro atteggiamento è sempre improntato alla vittoria. Anche il Gubbio ha delle gare difficili prima della fine della stagione. Tutti vorrebbero vincere, ma ci sono diversi fattori da mettere in conto. Quello che non dobbiamo sbagliare è l’atteggiamento da mettere in campo».

Domenico del Zompo

Condividi questo post: