La fuga dal Gambia, l’arrivo in Sicilia e ora il Grottammare: la favola di Jallow


Favole, nel mondo del calcio, ce ne sono tante, ma quella che riguarda l’attaccante del Grottammare Ansumana Jallow ha davvero del particolare. Parla di un ragazzo che oggi si sta ritagliando uno spazio nel campionato di Eccellenza, ma che fino a poco tempo fa mai avrebbe immaginato questa situazione.

Dal Gambia alla Sicilia, a bordo di un “barcone”, per poi passare tra Ancona ed arrivare a Grottammare grazie al Progetto Sprar: è questa la parabola di Jallow, che ancora minorenne aveva iniziato col calcio in un club del suo paese di origine. Poi la fuga alla ricerca di un futuro migliore. L’arrivo in Sicilia poi la deviazione verso Ancona, dove ha continuato a coltivare la sua passione giocando con la Nuova Folgore, squadra di Seconda Categoria. Da lì è giunto a Grottammare e, grazie a Bruno Talamonti, è arrivato a giocare con i biancazzurri. Dai lavori socialmente utili al reparto offensivo del team di mister Manoni, che lo ha promosso prima nella Juniores e poi in prima squadra. L’esordio, avvenuto nel derby con il Porto d’Ascoli, non lo ha portato al gol ma comunque a sorprende tutti per abilità e personalità nelle giocate. L’allenatore, così, gli ha dato fiducia anche nella gara seguente, quella dell’ultimo weekend contro la Biagio Nazzaro, dove ha confermato il suo ottimo momento di forma. La dimostrazione che il calcio sa ancora regalare grandi storie.

FONTE: Tmnotizie (QUI L’ARTICOLO di Michele Rossi)

FONTE FOTO: www.marcheingol.it

Condividi questo post: