La capolista mette la quinta e se ne va: 2 – 0 a Jesi


JESINA – SAMB               0 – 2

MARCATORI: 14'pt Sabatino, 35'st Pezzotti.

 

LE FORMAZIONI

JESINA (4-33): Niosi; Calcina ('96), Tafani, Fatica, Carnevali ('95); Arati [11'st, Frulla], Cardinali, Piersanti ('98), Ragatzu [26'st, Sampaolesi], Cameruccio ('97), Trudo [43'st Pierandrei]. A disposizione: Cecchini, Marini, Sassaroli, Cesaroni, Strappini, Alessandroni, Allenatore: Yuri Bugari.

SAMB (4-4-2): Pegorin ('96); Montesi ('96) [45'st Pino ('96)], Salvatori, Casavecchia, Flavioni ('97); Palumbo [45'st Bonvissuto], Barone [29'st Mattia], Sabatino, Pezzotti; Titone, Sorrentino ('95). A disposizione: Reali, Lomasto, Tagliaferri, Trofo, Prandelli, Vallocchia. Allenatore: Ottavio Palladini.

ARBITRO: Garofalo di Torre del Greco (Manco-Esposito).

ESPULSI: 10'st Fatica (doppia ammonizione), 24'st Calcina.

AMMONITI: 30'pt Fatica, 33'pt Ragatzu, 4'st Montesi, 12'st Cameruccio, 44'st Palumbo.

ANGOLI: 4 – 3.

RECUPERI: 1' – 4'.

NOTE: Giornata piuttosto fredda con 8 gradi circa, tempo variabile tendente al nuvoloso. Terreno di gioco allentato in diverse zone e bagnato. Jesina in completo biancorosso, Samb in tenuta rossoblù.

Ancora un successo per la Samb di Palladini, sempre più sola al comando a +9 su Fano e San Nicolò. Al «Carotti» apre Sabatino (goffa deviazione del portiere Niosi), a dieci dalla fine il raddoppio di Pezzotti…

JESI (AN) – La Samb di Palladini supera l'ennesimo esame di maturità a pieni voti. I rossoblù portano via tre punti anche da Jesi ed allungano ancora in classifica: ora il distacco dalla seconda posizione (occupata da Fano e San Nicolò) è quasi da doppia cifra.

Bugari e Palladini che in campo schierano l'undici migliore a loro disposizione. Il tecnico biancorosso opta per un offensivo 4-3-3 con i giganti centrali Tafani e Fatica. Dal canto suo Palladini sostituisce Conson con Casavecchia alla prima da titolare in campionato. Davanti c'è il quartetto d'archi che ha incantato il Riviera la scorsa settimana: i tornanti Palumbo e Pezzotti e gli avanti Titone a svariare e Sorrentino. Passa poco più di un minuto e la Jesina si rende subito pericolosa con una buona conclusione di Cameruccio sulla quale è bravo Pegorin a deviare sopra la traversa. La tenuta del terreno di gioco è precaria, ne risente la manovra della Samb con il pallone che avanza a stento. Sabatino intorno al decimo sfonda centralmente e va al tiro, palla a lato di poco. Ma il centrocampista ci riprova al 14' e la sua caparbietà viene premiata dalla fortuna: il numero otto entra in area jesina dalla destra e sul suo tirocross Niosi la combina grossa, deviando goffamente il pallone nel sacco. 1 – 0. Una volta in vantaggio, la Samb inizia a cercare più il lancio che la manovra palla a terra. Scorre fino alla mezz'ora il gioco con la Samb che riesce ad avere maggior equilibrio in campo rischiando meno. La Jesina si presenta in area a cinque minuti dal termine con Trudo che riceve dall'accorrente Cameruccio, ma viene abilmente chiuso da Salvatori in angolo. Padroni di casa parecchio nervosi nel corso della prima frazione, vittime del loro stesso gioco impreciso e con ben poca qualità. Poco più di tre minuti nella ripresa e la Samb è pericolosa con un contropiede di Sorrentino, che tra due riesce a trovare un filtrante per Titone, su cui riesce a chiudere Niosi. Jesina nei guai, fallo ingenuo di Fatica su Palumbo, l'arbitro lo ammonisce per la seconda volta e i biancorossi devono giocarsi trenta minuti in inferiorità numerica. La gara si innervosisce e in campo si annotano più colpi proibiti che giocate sotto porta, la Samb non cede alle provocazioni. Simpatico siparietto al 22' quando l'arbitro allontana un membro della panchina per aver buttato, ad azione in corso, un pallone in campo. Al 24' va fuori pure Calcina per un fallo a gamba tesa su Salvatori. Fa specie pensare che lo scorso anno la Samb perse Pepe e Tozzi Borsoi per condotta violenta e chiuse la partita con una sconfitta e in 9 uomini. Ci pensa Pezzotti a chiudere i conti al 35' con una botta mancina da fuori area che inchioda Niosi e toglie la ragnatela. Samb in vantaggio e superiorità numerica che ora può gestire serenamente il risultato. I rossoblù chiudono il match tra gli olè del pubblico della Cioffi nel giorno dell'anniversario della morte del tifosissimo rossoblù (omaggiato anche dai rivali jesini con uno striscione) a coronamento di una gara praticamente perfetta.

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: