Il ruggito del capitano, Pezzotti: «Il Parma sa che giocare a San Benedetto non sarà facile»


Si avvicina la gara contro gli uomini di Apolloni: i rossoblù sono carichi. «Il nostro obiettivo è la salvezza e dobbiamo restare con i piedi per terra» spiega il capitano…

«Di questa gara se ne parla tanto, ma non credo sarà decisiva. Noi siamo contenti e vedremo cosa succederà: lo stadio sarà pieno e la curva ci sosterrà come ha sempre fatto».

Al termine dell’amichevole con la Berretti, Marco Pezzotti, analizza la sfida di sabato contro il Parma:

«Dobbiamo essere aggressivi fin da subito e ripartire velocemente con gli attaccanti: quella può essere la nostra forza perché loro hanno giocatori importanti ed esperti, ma quando si parla di condizione fisica e velocità l’età si fa sentire, dobbiamo approfittarne. – Si vedranno in campo calciatori del calibro di Calaiò, Evacuo, Canini, Lucarelli… – I loro giocatori li conoscono tutti, parliamo di atleti di altre categorie, ma noi non dobbiamo temere nessuno. Alcuni li abbiamo già affrontati e l’atteggiamento deve essere quello che ci ha permesso di rimontare lo svantaggio in occasione della partita di Poule al Tardini. Non dobbiamo sbagliare l’approccio alla gara e partire forti da subito. – Senza timori, ma con il massimo rispetto, perché un po’ di tensione la avvertono anche i crociati – Ho sentito qualche dichiarazione: sanno che non sarà facile giocare qui e che incontreranno una squadra che se ha ottenuto 12 punti in 5 gare non l’ha fatto per sbaglio. Non credo verranno qui così spavaldi come tutti pensano: sono una squadra quadrata e vorranno certamente fare la partita».

Una brevissima parentesi in serie C, con il Rieti, una decina di anni fa. Oggi, invece, c’è un giocatore più maturo e leader di un gruppo importante. Dopo le prime cinque giornate tira le prime somme sulla sua esperienza:

«Mi aspettavo una velocità di gioco maggiore rispetto alla D, ma ho lavorato a lungo, anche in estate,  a livello fisico e non mi sono trovato male. Sono sicuro di poter migliorare ancora perché questa è una opportunità che devo sfruttare al massimo».

Sale la febbre e lo stadio sarà pieno:

«Avremo sicuramente un grande appoggio e una spinta dal nostro pubblico, noi faremo di tutto per accontentarli: in città vogliono la vittoria e proveremo a dar loro questa soddisfazione. – Tanta gente sugli spalti non sembra creare problemi ai rossoblù – Nessuno dei ragazzi in campo risente della pressione di un pubblico del genere: ci sono molti ragazzi giovani come Sorrentino, Di Massimo, Di Pasquale… si esaltano».

Sognare non costa niente, ma:

«Sappiamo che il nostro obiettivo è la salvezza e dobbiamo restare concentrati, appena raggiunta vedremo dove si potrà arrivare. È giusto che i tifosi sognino, noi dobbiamo restare con i piedi per terra. – Salvezza sì, ma guardando il cammino della Samb… – Non credo ci sarà qualcuno che ammazzerà il campionato in questo girone: ci sono sei o sette squadre che se la giocano e finchè siamo lì davanti vogliamo provare a fare qualcosa di importante».

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: