Gubbio, Pagliari prende il posto di Cornacchini: è il deja-vu di Viterbo


Un "hippie" per rialzare il Gubbio. Marchigiano, classe 1957, ex attaccante passato tra le fila di Fiorentina, Vicenza e Ternana. È il ritratto del nuovo tecnico eugubino: Dino Pagliari. Da allenatore ha girato l’Italia con alterne fortune: all’esordio guidò la Vis Pesaro alla salvezza in Serie C2 (biennio 1996/1998) poi si accasò alla Maceratese. Alla guida della Fermana (2000/2002) ottenne il miglior risultato sportivo nella storia più recente del club: il nono posto in Serie C1. Dimissioni ad Alessandria e salvezza con il Chieti, poi l’exploit a Frosinone. Anche in gialloblù segna un record (fino a quel momento, stagione 2004/2005): il miglior piazzamento in Serie C1: il quinto posto regala i playoff poi persi contro il Mantova. Ci sono poi Ravenna, Lanciano, Pisa e Lecce. Lo scorso anno, tornato in panca dopo due stagioni di inattività, fu esonerato dalla Viterbese dopo appena due mesi. Una carriera da girovago che lo ha portato a sostituire Eusebio Di Francesco (attualmente tecnico della Roma) a Lanciano e Leonardo Semplici (oggi alla Spal) a Pisa. Per la seconda volta, invece, rileva Giovanni Cornacchini: lo scorso anno a Viterbo e quest’anno a Gubbio.

Redazione

Condividi questo post: