Grottammare-Biagio Nazzaro 1-0, Traini segna e Beni salva il risultato. LA CRONACA


GROTTAMMARE-BIAGIO NAZZARO 1-0
GROTTAMMARE (4-3-3): Beni; Orsini (25’st Mancini), Vespasiani, Oresti, Vallorani; Traini (47’st Di Antonio), Haxhiu (33’st Ioele Michele), De Cesare; D’Angelo (37’st Rapagnani), Ciabuschi, De Panicis (18’st Maiga Silvestri). A disp. Renzi, Ioele Andrea, Di Giorgio, Casolla. All. Manoni.
BIAGIO NAZZARO (4-4-2): Bolletta; Gregorini, Savini, Disabato, Domenichetti; Parasecoli (22’st Maggi), Cecchetti, Rossini (20’st Remedi), Antonetani (37’st Fernandes); Pieralisi, Cavaliere. A disp. Giovagnoli, Miecchi, Giacometti, Santini, Brega, Cingolani. All. Fenucci.
Arbitro: Gabriele Pette di Bologna (Morganti-Traini)
Rete: 34′ Traini
Note. Spettatori: 100 circa; ammoniti: Rossini, Cecchetti, Vallorani; angoli: 3-5; recupero: 0’+4′.

Il Grottammare conquista tre punti contro la Biagio Nazzaro e continua a risalire in classifica. I biancocelesti di mister Manoni hanno sfruttato al massimo il gol messo a segno nel primo tempo da Traini e poi nella ripresa si sono aggrappati a due grandi interventi di Beni che ha letteralmente salvato il risultato. Parte bene il Grottammare che al 14′ va vicino al vantaggio con Ciabuschi che si allunga in spaccata su un servizio di D’Angelo ma il pallone viene ribattuto nei pressi della linea bianca da Disabato. Al 21′ ci prova Cecchetti che mira il primo palo ma colpisce l’esterno della rete. Al 34′ la gara si sblocca: Haxhiu calcia una punizione dal limite trovando il perfetto stacco di testa di Traini che insacca dall’area piccola.

I biancocelesti hanno l’occasione per raddoppiare un minuto dopo con De Panicis che ci prova a giro ma il pallone esce di pochi centimetri. Nella ripresa rientra una Biagio con maggior mordente e mette subito in difficoltà i biancocelesti con Cavaliere che di testa centra il palo. La pressione ospite viene alleggerita da un tiro di D’Angelo che chiama alla grande parata Bolletta (27′). I rossoblu tornano a premere e al 36′ ci vuole un miracolo di Beni a deviare in corner una punizione indirizzata all’incrocio di Anconetani. Al 45′ secondo prodigioso intervento del numero uno biancoceleste che dice no ad un colpo di testa in tuffo di Cavaliere.


Commenti
Condividi questo post: