Federico: «Il Pescara ci ha visto lungo su Mancuso. In rossoblù ha trovato le condizioni ideali per esprimersi»


L’ex direttore sportivo di Giulianova e Carrarese torna a parlare del fenomeno rossoblù del momento, quel Leonardo Mancuso che ora guarda i grandi bomber del girone B di Lega Pro dall’alto in basso…

Il poker contro il SudTirol e la vetta della classifica cannonieri. Un record personale di reti segnate in una stagione frantumato, mai una assenza. Un rendimento, quasi, da Serie A. Leonardo Mancuso non bada comunque a queste cose e nonostante le luci accese di tanti club su di lui, il Pescara in prima fila che ha già, probabilmente, sbaragliato la concorrenza, resta saldamente con i piedi per terra e si concentra e lavora per poter chiudere al meglio questa stagione trascinando i rossoblù ai playoff ed ottenendo con loro il miglior risultato possibile. «Forse non hanno creduto in lui fino in fondo – ammette Sandro Federico, ex DS della Samb, tra le colonne del Corriere Adriatico – o forse nessuno si aspettava che esplodesse in questo modo. Ho fatto tutto quello che rientrava tra i doveri di un direttore sportivo per dare un contributo alle casse della società e con la sua cessione si sarebbero potuti recuperare 7-800 mila euro. È andata così». Pensare che l’attaccante milanese ha messo a segno 18 reti in 28 partite, una media importante se si considera che, prendendo gli sterili numeri per analisi, ha realizzato un gol ogni 139 minuti. «Penso possa giocare anche in Serie A: ha tecnica, fisicità e grande umiltà» doti che caratterizzano il giocatore moderno. Buona parte di questo stato di grazia, Mancuso, lo deve anche ad Ottavio Palladini che, all’inizio della stagione, ha puntato forte su di lui: «A San Benedetto Mancuso ha trovato le condizioni migliori per fare bene. Palladini ha saputo valorizzare le sue caratteristiche e per Leonardo non è stato difficile sbloccarsi. Ha fatto un gran lavoro anche in fase difensiva e credo che il Pescara ci abbia visto lungo». Da Ottavio Palladini a Sanderra, da Sanderra a, probabilmente, Zeman «Il Pescara è una società che valorizza sempre i suoi giocatori e, in più troverà un tecnico come Zeman  e per lui sarà uno step importante in carriera».

 

Domenico del Zompo

Commenti
Condividi questo post: