Come nelle favole: Samb-Teramo, IL COMMENTO



LA SAMB RIBALTA IL TERAMO 2-1: LA CRONACA

ROSELLI: «BRAVI A NON PERDERE LUCIDITÀ»

FEDELI: «CE LA POSSIAMO GIOCARE CON TUTTI»

Non possiamo che rifarci alle parole di Vasco per immortalare una magica serata, illuminata da una rimonta da favola negli ultimi minuti di un derby molto sentito come quello contro un buon Teramo, che pure lui aveva chiuso in crescendo il 2018. Quando abbiamo visto patron Fedeli “attapirato” sulla transenna della tribuna dopo la mazzata dello svantaggio firmato da De Grazia, anche noi avevamo ipotizzato un nefasto inizio d’anno. Invece stavolta per la prima volta da quando è tornata in C la Samb fa sua la prima partita dell’anno solare dopo la lunga sosta (nel 2017 aveva pareggiato 1-1 a Mantova alla prima di Sanderra, mentre lo scorso anno era stata sconfitta 1-0 a Salò dalla Feralpi). Continua così la marcia degli uomini di Roselli, che al decimo risultato utile consecutivo (6 successi e 4 pareggi) e alla quarta vittoria di fila nel fortino del Riviera, si fiondano prepotentemente in zona play off, issandosi al sesto posto in coabitazione con le corazzate Ternana e Vicenza. Onestamente oggi non ci aveva convinto la gestione della partita da parte di mister Roselli né per l’atteggiamento sin troppo guardingo tenuto dai suoi ne’ per le sostituzioni, ma il tecnico rossoblù ha invece azzeccato appieno l’ultimo cambio (De Paoli per Cecchini), ridisegnando il lay out dal 3-5-2 ad un arrembante 4-3-3 con Rapisarda a sinistra. Con questo assetto la Samb ha disputato dieci minuti impetuosi, cambiando decisamente passo ed intensità e confermando quanto di buono messo in luce nella risalita in classifica dalle paludi dei play out all’oasi dei play off. Per mantenersi però in piena zona play off qualcosa dal mercato sarà bene che arrivi, magari come promettenti under visto che, al di là della problematica di Scalera, ormai i vari Islamaj, Panaioli e Brunetti sembra siano stati messi alla porta. Intanto non c’è tempo per cullarsi sugli allori, perché questo mefistofelico calendario prevede fra tre giorni il duro impegno di Pesaro, da affrontare con il grande entusiasmo derivante da questa favolosa rimonta.

Alessio Perotti


Condividi questo post: