Come nasce il muro di Ottavio, dentro Jesina-Samb


Per la quarta volta nelle ultime cinque partite la Samb ha mantenuto inviolata la porta difesa da Fabio Pegorin. Un risultato frutto di un ottimo lavoro di squadra in fase di non possesso…

Ancora una volta il successo della Samb, squadra che ha il miglior attacco del torneo, nasce dalla difesa. A Jesi i rossoblù hanno mantenuto inviolata la porta di Fabio Pegorin per la quarta volta nelle ultime cinque partite. Merito della coppia centrale Salvatori-Casavecchia, con quest'ultimo che non ha affatto rimpiangere l'assenza di Conson. merito dei giovani terzini Montesi e Flavioni, autori di una prestazione senza sbavature, ma merito anche degli attaccanti che – con Palladini in panchina – sono davvero i primi difensori della squadra: Pezzotti e Palumbo sono sempre presenti quando c'è da dare una mano agli esterni di difesa e Sorrentino si abbassa sempre dando il via ad un pressing non asfissiante ma efficace. Ecco come nasce il muro di Ottavio.

Daniele Bollettini

Condividi questo post: