Centrocampo appannato, Sorrentino caparbio: le pagelle di Samb-AlbinoLeffe


Aridità dà sicurezza al reparto difensivo, che però soffre nel secondo tempo; bene N’Tow. A centrocampo Lulli commette più errori del solito, Mancuso non riesce ad ergersi a salvatore della patria…

ARIDITA’                  6,5                             

Il numero 33 dà sicurezza al reparto difensivo con uscite sempre precise sulle palle alte. Difficile attribuirgli delle responsabilità in occasione del gol subito, impeccabile per il resto della partita.

DI FILIPPO               6

Nel primo tempo integra ad una buona fase di copertura diverse sortite offensive, recapitando in area ospite un paio di cross invitanti. Sorpreso dall’incursione di Anastasio in occasione del pari.

RADI                         6

Nel primo tempo provoca un sussulto generale quando calibra male un retropassaggio di testa per Aridità. In affanno nei primi minuti della ripresa, quando lui e Di Pasquale vengono si ritrovano spesso scoperti di fronte agli attacchi ospiti.

DI PASQUALE         6

Dopo un primo tempo tranquillo nella ripresa soffre la presenza del doppio centravanti negli ospiti; in un paio di circostanze lo soccorre Di Filippo con buone chiusure.

N’TOW                      6,5

Al 19’ si guadagna applausi a scena aperta dopo aver saltato due avversari e sfiorato il gol con un bel sinistro dalla distanza. Sulla sua valutazione pesa però l’errore da cui nasce l’azione dell’uno a uno.

LULLI                        5,5

Un po’ troppo egocentrico a centrocampo: talvolta eccede nel possesso palla, forzando la conclusione da fuori (suo marchio di fabbrica) anche più del dovuto.

BERARDOCCO       5

Un giocatore con la sua qualità dovrebbe velocizzare la manovra con suggerimenti profondi e verticalizzazioni, invece il numero cinque è spesso farraginoso nella gestione del pallone.

SABATINO               6

Nel primo tempo tiene sotto pressione la difesa di Alvini con le sue incursioni, riuscendo anche a disturbare Loviso (non al meglio) in fase di costruzione. Nella ripresa, con il suo calo, si abbassa il rendimento di tutto il reparto.

MANCUSO               6

Stavolta si erge a uomo copertina per una questione di centimetri: a tempo quasi scaduto non riesce a scartare il cioccolatino recapitato da N’Tow, colpendo la traversa e scatenando le imprecazioni del popolo sambenedettese.

SORRENTINO         7

La caparbietà con cui si mette a disposizione dei compagni viene ripagata con un gol che è l’emblema della caparbietà stessa: in scivolata prova a superare il portiere in uscita, la palla gli torna addosso e lui la ributta dentro. Martoriato di falli, spesso non sanzionati, nella ripresa.

TORTOLANO           5,5

Bravo nel mettere Sorrentino in condizione di segnare, ma commette diversi errori. Nella ripresa sciupa una colossale occasione quando Sabatino lo pesca libero in area di rigore, lui calcia al volo di piatto senza centrare la porta.

DI MASSIMO           5,5

Dopo l’ennesima settimana trascorsa a parlare delle sue potenzialità inespresse il 20enne abruzzese alterna buone giocate ad errori marchiani. A quando il cambio di passo tanto atteso da tutti?

FIORETTI                 5,5

Come a Lumezzane va ad un passo dal gol che rappresenterebbe il termine di un calvario sportivo che va avanti dalla seconda di campionato. Nell’unica occasione che gli capita tra i piedi, resta a secco un po’ per mancanza di reattività un po’ per bravura dell’avversario.

PEZZOTTI                 S.V.

Sabatino è stremato al momento della sostituzione. Per il numero undici giusto il tempo di recapitare all’interno dell’area seriana un paio di buoni cross (anche un terzo è invece fuori misura).

Condividi questo post: