Berardocco detta i tempi: «Dimenticato il Parma. A Venezia per dire la nostra»


Il centrocampista sui Lagunari: «Saranno agguerriti». Al suo fianco mancherà Luca Lulli: «È un giocatore importante, ma chiunque scenderà in campo darà un grande contributo»…

Luca Berardocco, pescarese classe ’91, ha in mano le chiavi del centrocampo di Ottavio Palladini e a lui spettano le geometrie, fondamentali, che sono perno del gioco rossoblù. Superata la delusione per il pari interno col Parma, che liquida laconicamente, guarda subito all’impegno in terra veneta:

«La partita col Parma è archiviata: c’è stato un pareggio, ma avremmo meritato di più. Concentriamoci per affrontare al meglio il Venezia: sarà una partita difficile, ma con il giusto atteggiamento potremo dire la nostra. – La cornice è quella del big match con tanta voglia di far bella figura da una parte e dell'altra… – La partita vale sempre tre punti, a prescindere da tutto. Hanno un organico importante costruito per vincere il campionato».

I rossoblù hanno già affrontato i lagunari a Cascia:

«L’amichevole estiva ha poco valore, i loro giocatori li conosciamo. Questa gara non sarà un esame e tre giorni dopo incontreremo il Padova e sarà un’altra sfida non facile».

Uno dei punti di forza della Samb è l’aggressività in campo e così i rivieraschi si presenteranno al Penzo:

«Siamo una squadra che non attende l’avversario: ci sono diversi momenti, nella gara, in cui si può attaccare pressando alto ed altri in cui si deve giocare di rimessa ed essere bravi a non subire».

Battuta dal Pordenone e scavalcata in classifica, la squadra di Inzaghi non si trova più in testa al girone B:

«Saranno sicuramente agguerriti, più del solito, perché hanno perso e sono stati spodestati dalla prima posizione: troveremo una squadra che vorrà rifarsi subito, ma non saremo le vittime sacrificali».

Al suo fianco, per ora, c'è un posto vacante, la squalifica lascerà Lulli in tribuna per due gare:

«Luca (Lulli, ndr) è un giocatore importante per noi e nelle ultime settimane ha fatto molto bene, ma chiunque scenderà in campo al suo posto darà il suo contributo perché c’è una rosa ampia per rimpiazzare le eventuali assenze».

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: