Bassano-Triestina, Pordenone a Bergamo: la nona giornata è ricca di insidie


TERAMO – PADOVA 

Dopo il clamoroso sgambetto al Bassano, oggi il Teramo proverà a far cadere un altra grande tra le mura amiche: gli abruzzesi ospiteranno infatti il Padova, una delle compagini più in forma del torneo, che vuole continuare l'inseguimento alla vetta dopo quattro successi consecutivi. Per i padroni di casa sarà fondamentale ottenere punti, poiché i play out distano solo due lunghezze, anche se l'avversario è tra i più ostici; gli ospiti partono con il favore del pronostico visto lo stato di forma, ma dopo le sorprese dell'ultima giornata occhio a dare tutto per scontato.

BASSANO – TRIESTINA

Padroni di casa che cercheranno a tutti i costi i tre punti, sfuggiti proprio all'ultimo contro il Teramo con conseguente sorpasso in vetta di Pordenone e Samb. Al Rino Mercante arriverà la Triestina, rivitalizzata dopo il grande successo per 3-0 sulla Fermana, e desiderosa di continuare su questa strada per rimettersi in carreggiata playoff. In caso di risultato positivo per gli ospiti, il Bassano rischierebbe di vedere allontanarsi le capoliste, dunque è una chiamata molto importante per reagire subito davanti ai propri tifosi e continuare il campionato di vertice visto fin ora.

MESTRE – REGGIANA

Partita che si profila interessante quella tra Mestre e Reggiana, con i locali in zona playoff seppur senza vittorie da due turni, e gli ospiti provenienti da una super prestazione contro il Vicenza, valsa tre punti importantissimi per uscire dalla zona rossa. In caso di vittoria, il Mestre potrebbe affacciarsi da un balcone molto alto in classifica, ma dovrà fare di più in zona gol rispetto a quanto visto nello 0-0 con la Feralpi, mentre la Reggiana, dovesse rimettere in campo la stessa fame della scorsa gara, potrebbe togliersi una bella soddisfazione.

RAVENNA – FERALPISALÒ

Una delle squadre che ancora non ha mai pareggiato ospita quella con più "X" sulla tabella: vedremo se la pareggite di cui è affetta la Feralpi colpirà anche il Ravenna, che arriva da due sconfitte consecutive, l'ultima maturata nei fatali minuti di recupero di Pordenone. Pordenone che aveva avviato la serie di zero a zero della Feralpi tre turni fa: nonostante ciò gli ospiti si trovano al decimo posto, ma dovranno ritrovare la vittoria per sperare di dare una scossa alla loro stagione, mentre il Ravenna vorrà tornare a muovere la classifica per non ritrovarsi invischiato troppo in basso.

SUDTIROL – SANTARCANGELO 

Entrambe hanno perso 3-1 in trasferta nell'ultima giornata, entrambe devono vincere per riscattarsi e, soprattutto gli ospiti, per risalire la china. Si presenta così il match tra Sudtirol e Santarcangelo, occasione importante per i padroni di casa di rimettere a distanza di sicurezza quelle squadre, tra cui lo stesso Santarcangelo, che inseguono dal basso. Gli ospiti hanno la peggior difesa del torneo (20 gol subiti) e occupano la penultima piazza della classifica, con un solo punto nelle ultime cinque: la situazione è davvero complicata, ma con una vittoria le cose potrebbero improvvisamente migliorare.

ALBINOLEFFE – PORDENONE

Trasferta complicata per la capolista Pordenone, che si vedrà ospite di un Albinoleffe in cerca di riscatto dopo un solo punto e zero gol fatti nelle ultime due, nonostante le prestazioni siano state convincenti. Gli ospiti invece hanno trovato, negli ultimi due match, quattro punti in zona Cesarini, grazie al pari con il Gubbio e la vittoria sul Ravenna, due impegni alla portata che però hanno evidenziato qualche difficoltà nell'unica squadra ancora imbattuta in campionato. Vedremo se l'Albinoleffe riuscirà a mettere un altro freno alla corsa ospite (con la Samb spettatrice interessata), oppure se il Pordenone tirerà fuori un'altra prova di forza.

GUBBIO – FANO

È quasi uno spareggio salvezza quello tra Gubbio e Fano, entrambe apparse in miglioramento nelle ultime uscite, ma ancorate rispettivamente al quartultimo e terzultimo posto. Entrambe le squadre hanno fermato sul 2-2 due formazioni nettamente più quotate (Pordenone e Renate), ed i padroni di casa arrivano a questa gara dopo il turno di riposo, desiderosi di riprendersi quanto i minuti di recupero a Pordenone gli hanno tolto. Il pareggio serve a poco ad entrambe: chi vince si riavvicina alla salvezza, chi perde sprofonda.

Gian Marco Calvaresi

Commenti
Condividi questo post: