Bassano, Reggiana… Tante insidie per le prime: ECCO LA 28^ GIORNATA


TRIESTINA – BASSANO

Toccherà alla Triestina provare a fermare un Bassano straripante, al momento la squadra più in forma del campionato, reduce dal secondo poker consecutivo e da una lunga striscia di imbattibilità. I giuliani, fermati a reti bianche dalla Fermana, vogliono accorciare sul secondo posto, mentre i veneti cercheranno di difenderlo dalle inseguitrici: chi vincerà?
PADOVA – TERAMO
Sembra già scritto l’epilogo tra Padova e Teramo, con la capolista che vuole subito tornare alla vittoria dopo il pari in Alto Adige, mentre gli abruzzesi di Palladini non riescono proprio a risollevarsi, con appena due punti nelle ultime cinque e l’inevitabile penultimo posto. C’è da dire che il calendario non sta aiutando gli ospiti, che ora affronteranno con l’impegno più difficile e servirà un miracolo per strappare punti a chi marcia verso la serie B.
FANO – GUBBIO
Dopo l’impresa di Meda, il Fano ha ridotto ad un solo punto il margine che lo divide dalla zona salvezza, ed i marchigiani sono attesi da uno scontro diretto che può dire molto sulle loro speranze: la partita col Gubbio, che li precede in classifica di cinque punti, rappresenta infatti la possibilità di sorpasso su Teramo e Santarcangelo, che avrebbe del clamoroso osservando la classifica fino a qualche settimana fa. Non sarà facile però, perchè gli umbri faranno di tutto per restare fuori da questa corsa a tre.
FERALPISALO’ – RAVENNA
Una sconfitta cocente quella subita nell’ultimo turno dalla Feralpi, che ha subito il sorpasso di tre squadre ed ora si trova al quinto posto. il 3-2 di Mestre è stato una battuta d’arresto pesante a questo punto, dato che i leoni del Garda hanno disputato una partita in più della Samb e due in più della Reggiana. Servirà immediato riscatto contro un Ravenna reduce dal pesantissimo successo sul  Pordenone, che ha permesso ai giallorossi di conservare tre punti di margine sulla penultima.
PORDENONE – ALBINOLEFFE
Due squadre che nel girone d’andata si giocavano i primi posti, ora si riaffrontano da decima e undicesima in classifica. Gli ospiti, che hanno riposato nell’ultimo turno, non vincono da quattro giornate, e vogliono dare la caccia a quel decimo posto occupato proprio dal Pordenone, che ha due punti di vantaggio sui bergamaschi nonostante il K.O. subito a Ravenna e tre sconfitte nelle ultime quattro gare.
REGGIANA – MESTRE
Continua l’inseguimento della Reggiana, che vista la partita in meno rispetto al Padova, ed essendo virtualmente a meno sette, potrebbe essere l’unica a minare la promozione dei biancoscudati. Gli emiliani riceveranno un Mestre che con due vittorie consecutive ha scalato diverse posizioni in classifica, ritrovandosi al settimo posto, ma di certo la seconda della classe non vorrà fermarsi.
SANTARCANGELO – SUDTIROL
Dopo tre sconfitte consecutive, contro tre delle prime quattro in classifica, è chiamato a reagire il Santarcangelo, nella corsa a tre con Fano e Teramo per non retrocedere. I gialloblù ospiteranno il Sudtirol, che continua a rimanere nelle zone alte della classifica e che nell’ultimo turno ha inchiodato il Padova sull’1-1. In caso di vittoria, i padroni di casa potrebbero staccare le rivali in classifica.
VICENZA – FERMANA
Saranno Vicenza e Fermana a chiudere questa ventottesima giornata nel posticipo del lunedì. Le due squadre si trovano in una posizione di classifica tranquilla, con i canarini che precedono i biancorossi di un punto grazie allo zero a zero ottenuto con la Triestina, mentre i veneti cadevano a domicilio contro la Reggiana. si preannuncia una gara molto equilibrata, ma come al solito verdetto al rettangolo verde.
Gian Marco Calvaresi
Condividi questo post: