Gravina: «Il cacio è allo sfascio». Possibile altro rinvio per i calendari di Serie C


«Il calcio è allo sfascio». Queste le parole del numero uno della Lega Pro Gabriele Gravina, che non ha digerito bene il blocco dei ripescaggi in Serie B; decisione che, naturalmente, si ripercuote sulla Serie C, che ora vede 59 società come aventi diritto. «Quello che è accaduto lunedì è stato un atto assurdo ed avventato. Mi stupisce di come il Commissario della FIGC abbia adottato una decisione debole e pericolosa. Uno sciopero ad oltranza della serie C? No, ma continuiamo a chiedere chiarezza, ed aspetteremo le decisioni del tribunale sportivo ed ordinario, perché nessuno deve vedere calpestati i propri diritti». Niente sciopero, dunque, ma una decisione che potrebbe essere adottata potrebbe essere un nuovo rinvio per la presentazione dei calendari di Serie C: Gravina, infatti, vorrebbe aspettare gli esiti dei vari ricorsi presentati da Novara, Entella, Catania, Siena, Ternana e Pro Vercelli in merito alla loro ammissione in Serie B.

Redazione