Un inizio davvero tosto, la prima in casa col Castelfidardo.


Il sorteggio di martedì non ha riservato un inizio fortunato alla Samb. Dopo il battesimo di fuoco con la Fermana di Jaconi, match a porte chiuse con l’Avezzano e poi turno infrasettimanale a Campobasso…

SUBITO A FERMO – Se sarà davvero Serie D lo si saprà soltanto tra poche ore, quando il Collegio di Garanzia del CONI si riunirà per discutere il ricorso presentato dalla Samb (e da altre società) contro la Lega Pro a 54 squadre. Quel che è certo è che il sorteggio di martedì non ha riservato alla Samb un inizio di stagione “soft”. Già il fatto che si potrebbe partire domenica prossima (scongiurato il rinvio della prima giornata di una settimana) non è di per sé un fattore positivo per la Samb, che rispetto alla Fermana (primo avversario dei rossoblù) ha iniziato la preparazione atletica con notevole ritardo. Nel caso in cui i rossoblù dovessero scendere in campo al “Recchioni” già domenica, però, potranno sicuramente contare sull'appoggio di una tifoseria che si sta già mobilitando per la prima trasferta “calda” della stagione.

PURE IL CAMPOBASSO – Ma l'ostica Fermana (che ha rinforzato notevolmente il sul parco giocatori) non è l'unica insidia di questo inizio di campionato. Nel secondo impegno, infatti, la Samb dovrà fare a meno del proprio “dodicesimo”, per via della squalifica inflitta dopo la gara di play off della scorsa stagione col San Nicolò. Con l'Avezzano si giocherà a porte chiuse; possibile che, per approfittando della situazione, il club di viale dello Sport chieda di giocare la partita non a San Benedetto, in modo da poter guadagnare tempo per sistemare il manto erboso del Riviera. Nemmeno il tempo di recuperare le forze che nella terza di campionato, turno infrasettimanale, la Samb dovrà invece vedersela con una vera e propria corazzata: il Campobasso. Un match nel quale si potrebbe già capire se il gruppo allenato da Beoni potrà lottare per il vertice o no. Poi prima vera partita in casa col Castelfidardo. Un inizio proprio tosto.

Redazione

Condividi questo post: