Rapisarda è un trattore, Miracoli non pervenuto: Samb-Pordenone, LE PAGELLE


PEGORIN 6

Respinge il tiro di Maza, ma è beffato da Magnaghi sull’azione che sblocca la gara. La fortuna salda (abbondantemente) il debito nei suoi confronti quando una brutta respinta sul tiro di Danza impatta sul palo.

CONSON 7

Baluardo della linea a tre di Capuano, rimedia anche quando i compagni non sono irreprensibili: nel primo tempo è di capitale importanza un anticipo su Berrettoni (non il suo uomo) al limite dell’area piccola.

MICELI 6

Qualche passaggio a vuoto di troppo per il centrale, che ormai aveva abituato tutti a prestazioni ben al di sopra della sufficienza: Conson oscura le sue pecche quando c’è da coprire, ma i palloni buttati in fase di ripartenza sono ben visibili.

PATTI 6,5

Misuraca e Berrettoni lo fanno soffrire soltanto nei primissimi minuti. Grazie anche al supporto di Tomi e Vallocchia dalle sue parti non si registrano grandi azioni dei ramarri. Attaccante aggiunto quando la Samb è sotto.

RAPISARDA 7,5

Padrone incontrastato della fascia destra, arata a più riprese. Dopo il gol, il primo in rossoblù, si galvanizza ed è ancora più determinante. Anche da solo tiene sotto scacco mezzo Pordenone. Autentico TRATTORE.

BOVE 6,5

Come gli altri rossoblù dotati di grande tecnica non può rendere al top in una giornata come questa. È bravo, comunque, a proporsi anche al posto di Bacinovic, sbagliando il meno possibile.

BACINOVIC 5

Va in panne ogni volta che il pallone gli arriva ad una distanza superiore ai 4-5 metri. Spesso anticipato sulla corsa dagli avversari, non riesce a dare il suo contributo in costruzione.

VALLOCCHIA 6,5

Accompagna molto bene l’azione nel primo tempo, quando recapita anche un cross stupendo sulla testa di Rapisarda. Nella ripresa cala un po’ di tono, ma è sempre in grado di far male.

TOMI 6

Non è la giornata ideale per arrivare sul fondo palla al piede, così l’esterno sinistro è più pericoloso sui calci piazzati: a metà primo tempo Perilli è bravo ad opporsi a un suo missile dai 25 metri. Nella ripresa, però, dietro soffre più del dovuto.

ESPOSITO 6

Il terreno del Riviera, che si presenta come una piscina a cielo aperto, non esalta sicuramente le sue qualità. Il dieci si sacrifica e a metà ripresa dà un senso alla sua prestazione (fino a quel momento opaca) col geniale tocco che libera Di Massimo in occasione del pari.

MIRACOLI 4,5

Con una partita così equilibrata e un campo così pesante i suoi centimetri servirebbero molto alla Samb per tenere il campo. Servirebbero, perché l’avanti genovese è non mai in partita.

DI MASSIMO 6,5

Col suo ingresso la Samb cambia passo e reagisce dopo aver incassato il gol di Magnaghi. Subito pericoloso in un paio di azioni, sulla seconda arriva la marcatura di Rapisarda. Protesta per un rigore che sembra sacrosanto nel finale, ma per tutta risposta incassa il rosso diretto dall’arbitro.

VALENTE 6,5

Entra quando la Samb è tutta proiettata in avanti e nella vasca destra del Riviera riesce a sfondare con le sue giocate.

DI CECCO S.V.

Entra quando manca poco alla fine e quando la benzina di Bacinovic è già finita da un pezzo.

Daniele Bollettini

Condividi questo post: