Questione modulo: contro il SudTirol si va verso il ritorno del 4-4-2


Sanderra, nell’amichevole disputata contro il Cascia, ha schierato due formazioni estremamente intercambiabili e duttili che hanno dato importanti indicazioni sulla volontà del tecnico…

Mister Stefano Sanderra è intenzionato a riproporre, nella delicata trasferta di Bolzano contro un SudTirol ostico tra le mura amiche, il 4-4-2 che ha messo in difficoltà il Parma per venticinque minuti, salvo poi sfaldarsi sotto i colpi ducali. Nell’amichevole di ieri, importante sgambata e test necessario per provare nuove idee anche dal punto di vista della duttilità del modulo e degli elementi, Sanderra ha schierato sia nel primo che nel secondo tempo il modulo proposto al Tardini con qualche importante variazione: nel primo tempo davanti ad Aridità sono scesi in campo Rapisarda, Mori, Mattia e Pezzotti mentre a centrocampo hanno preso posto Sabatino, con Damonte e Bacinovic sull’asse centrale e Vallocchia a sinistra; in avanti spazio a Di Massimo e Sorrentino. Più criptica la formazione schierata nella ripresa dove sono scesi in campo, oltre a Morelli che domenica sarà il vice-Aridità, Di Filippo, Radi, Di Pasquale e N’Tow dietro al centrocampo composto da Lulli, ancora non al top della condizione, e Candellori affiancati da Mancuso e Agodirin, in attacco Latorre e Ferrara, autore di un assist nell’ultima sfida della Berretti contro il Santarcangelo. Resta ancora fuori Grillo mentre N’Tow sembra aver superato il problema alla caviglia per cui ha dovuto tenere il freno a mano tirato, il giocatore non sarebbe comunque tra i primi pensieri del tecnico che vuole aspettarne il pieno recupero prima di rischiare l’impiego in gara.

Commenti
Condividi questo post: