Prima l’illusione e poi la rimonta subita: Giana Erminio-Samb è 2-1. LA CRONACA


GIANA ERMINIO-SAMB
MARCATORI: 30’pt Signori, 43’pt Perna, 10’st Chiarello

GIANA ERMINIO (4-3-3): Leoni; Perico, Rocchi, Montesano, Lanini (29’st Seck); Chiariello (45’st Bonalumi), Dalla Bona, Pinto (29’st Piccoli); Iovine, Perna, Lunetta (24’st Rocco). A disposizione: Taliento, Marzeglia, Ababio, Pirola, Mandelli, Capano, Sosio, Mutton. Allenatore: Bertarelli.
SAMB (3-5-2): Sala; Biondi, Miceli, Zaffagnini, Rapisarda, Signori (37’st Bove), Ilari, Gelonese (15’st Russotto), Gemignani (15’st Cecchini); Di Massimo (15’st Minnozzi), Calderini. A disposizione: Pegorin, Rinaldi, Di Pasquale, Kernezo, Demofonti, Rocchi, Islamaj, De Paoli. Allenatore: Magi.
ARBITRO: Cascone di Nocera Inferiore (Leonarduzzi-Montagnani).
AMMONITI: 7’st Pinto, 17’st Iovine, 23’st Dalla Bona, 35’st Ilari, 38’st Calderini, 43’st Rocchi.
ANGOLI: 4-3.
RECUPERI: 1’-5’.
NOTE: Giornata soleggiata. Terreno di gioco in discrete condizioni. Giana in campo in completo biancoazzurro, divisa verde per la Samb.

Sono confuse le prime battute di gioco, ma al contrario di quanto era stato preventivato dai due tecnici, Samb e Giana si affrontano a viso aperto. Tanto aperto che la prima conclusione porta la firma di Gemignani con la sfera che sibila di poco sopra la traversa. Al 12’ la Giana trova il vantaggio con un colpo di testa di Lunetta, ma l’azione è viziata da un fuorigioco. Ancora padroni di casa pericolosi intorno al 20’ quando Perna smista bene, dal limite dell’area, per l’accorrente Lunetta, sul vertice opposto. La conclusione del numero 27 fende l’area di rigore. Al 22’ Leoni spranga la porta al vantaggio rossoblù. Buona palla lavorata sulla fascia da Rapisarda che poi si insinua in area e appoggia per Signori. La conclusione da pochi metri dell’ex Modena però viene respinta con un bell’intervento del portierino di casa. Un paio di giri di lancette più tardi ancora Giana pericola, stavolta da corner. Lunetta incrocia bene il cross di testa a pochi passi da Sala, ma non centra il bersaglio grosso. E finalmente, dopo 300 minuti, la Samb ha il suo primo marcatore in questo campionato. Signori in percussione supera la non proprio esente da colpe difesa biancazzurra. Arrivato davanti a Leoni inventa un lob che gonfia la rete, proprio sotto al settore ospiti che, come naturale conseguenza, esplode. A due minuti dall’intervallo Lunetta, dalla fascia, mette un pallone basso in area che filtra troppo facilmente tra la retroguardia rossoblù. Perna, a mezzo metro da Sala, prova il tiro sul quale il portiere può ben poco: 1-1.


La ripresa continua sullo stesso canovaccio tattico della prima frazione: partita non bella, tanti errori da una parte e dall’altra, ma decisamente coinvolgente. La Samb, però, dorme ancora e dopo dieci minuti Chiarello, ben imbeccato da Iovine, sorprende la retroguardia e infila Sala per il 2-1. I rossoblù provano a reagire e al 14’ Rapisarda serve per Ilari dentro. L’ex Teramo si libera in dribbling di un avversario e abbozza un tiro-cross del quale i compagni non riescono ad approfittare. Rivoluzione di Magi: dentro Minnozzi, Russotto e Cecchini. Aumenta la pressione della Samb nella metà campo avversaria. Delirio e confusione alla mezz’ora. Rapisarda appoggia per Sala, c’è il tocco di un avversario e il portiere ferma la sfera con le mani. Punizione a due in area. Nulla di fatto dal piazzato. Al 26’ Ilari in mischia, sul cross di Calderini, prova il colpo al volo di destro, ma a Leoni battuto la sfera sibila vicino al palo e si spegne sul fondo. Ancora Samb al 31’: Calderini scappa via nel tunnel centrale e, dopo aver retto al contrasto di Seck, effettua il cross. Dalla parte opposta c’è Russotto che si coordina e trova la sforbiciata sulla quale un difensore si oppone. Proteste dei rossoblù per un presunto tocco di mano. La Giana abbassa i ritmi, per la Samb inizia a diventare sempre più difficile il recupero del risultato.

Redazione


Commenti
Condividi questo post: