Palladini vede il traguardo: «Contro la Folgore sarà come una finale»


La trasferta di domenica prossima rappresenta un impegno agevole sulla carta, ma Ottavio Palladini mette in guardia i suoi: «La Folgore può salvarsi, ci metterà in difficoltà»…

COME UNA FINALE – Alla ripresa degli allanamenti dopo la pausa pasquale Palladini ha cercato di mantenere alta lo concentrazione in casa Samb. Tutti sono coscienti dell'importanza della gara contro la Folgore Veregra, come spiega lo stesso tecnico: «Cercheremo di prepararci al meglio per questa finale e dovremo interpretarla come tale, una gara secca. Dobbiamo e vogliamo vincere perchè significherebbe Lega Pro e che la domenica seguente si potrebbe già festeggiare la matematica promozione al Riviera contro la Jesina».

LO PSICOLOGO – La preoccupazione di molti è che la tensione cali e i rossoblù scendano in campo scarichi: «I ragazzi stanno bene fisicamente, ma quello a cui penso è la testa, lo stato mentale. Il mio obiettivo è quello di far capire che prima chiudiamo i giochi e meglio è». Tra le incognite anche quella logistica, con la soluzione Civitanova che resta in ballo anche se sempre meno probabile con il passare delle ore: «Se si giocherà a Civitanova ci sarà sicuramente un apporto di tifo maggiore, ma questo non deve interessare chi va in campo: dobbiamo dimostrare di essere compatti e lottare su ogni pallone». Chiosa sulla Folgore, in caduta libera: «Mi dispiace perché la squadra che avevamo affrontato a San Benedetto lottava per i playoff, ma il girone di ritorno non è stato brillante».

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: