Nuovi nomi e quattro squadre in più: come cambia il settore giovanile della Samb


Dal ritorno di Stefano Visi al saluto di molti collaboratori che hanno gestito il vivaio con l’Associazione Noi Samb: tempo di grandi cambiamenti per la cantera rossoblù…

LA RICOSTRUZIONE – Sta cambiando volto il settore giovanile della Samb, di cui in questi anni si è occupata in maniera completa ed autonoma l'Associazione Noi Samb. Opera non semplice quella portata avanti dall'azionariato popolare dei tifosi rossoblù: pur ripartendo da zero dopo l'ennesimo tumulto societario, gente di provata esperienza e dalla grande passione come Ottavio Palladini, Massimiliano Zazzetta, Marco Ogliari e Mirko Cudini (solo per fare alcuni nomi) è riuscita a gettare solide basi per la costruzione di una buona fucina di talenti. Ora, però, la palla è passata tra i piedi di Andrea Fedeli, che ha sempre manifestato grande interesse per il vivaio della Samb.

NUOVO ASSETTO – Nei giorni scorsi sono stati ufficializzati i primi rinforzi per la Berretti (qui trovate l'articolo con tutti i nomi), che sarà gestita da un poule tutto nuovo. Massimiliano Boccaccio (già nel vivaio della Salernitana) ha preso il posto di Mirko Cudini, mentre Gianluca Mirra (già direttore sportivo della Romulea) sarà responsabile del settore giovanile. Ad affiancare Mirra Pasqualino Provaroni e Simone Perotti che da consulente di mercato per la prima squadra sarà uno scout per rintracciare validi calciatori in erba. Il tocco di sambenedettesità sarà garantito da Stefano Visi "lu portierò", che sarà preparatore dei giovani numeri uno. Nel restyling previsto anche un aumento delle formazioni: saranno allestite quattro squadre tra Allievi e Giovanissimi.

Redazione

Condividi questo post: