Modena-Samb 4-1, tracollo rossoblù. Al Braglia una figuraccia. LA CRONACA



MODENA-SAMB 4-1

di Daniele Bollettini

MARCATORE: 10’pt Spagnoli, 6’st Muroni, 22’st Monachello, 29’st Castiglia, 44’st Lescano

MODENA (3-5-2): Gagno; Ingegneri (dal 1’st Prezioso), Zaro, Pergreffi; Mattioli, Muroni (dal 34’st Tulissi), Gerli, Castiglia (dal 43’st Vaccari), Mignanelli; Luppi (dal 1’st Monachello), Spagnoli (dal 34’st Sodinha). A disp. Narciso, Chiossi, Rabiu, Tulissi, Scappini, Sodinha, De Santis, Bearzotti, Varutti. All. Mignani.

SAMB (3-5-2): Laborda; Biondi, D’Ambrosio, Enrici (dal 34’st Serafino); Fazzi, D’Angelo, Angiulli, Rossi (dal 10’st Padovan), Trillò (dal 10’st Chacon); Botta, Lescano. A disp. Nobile, Di Pasquale, Cristini, Mehmetaj, Scrugli, Goicoechea, De Ciancio, Lombardo, Liporace. All. Montero.

ARBITRO: Luigi Carella di Bari (Di Giacinto-Basile, Zamagni).

AMMONITI: 24’st Prezioso, 24’st Botta, 40’st Chacon.

RECUPERI: 0’-3’.

NOTE: Cielo poco nuvoloso, temperatura di 14°C. Modena in maglia gialla, pantaloncini e calzettoni blu; Samb in completo bianco con innesti rossoblù. Prima della partita un minuto di raccoglimento in ricordo di Mauro Bellugi.


MODENA (MO) – Qualche volto nuovo e un ritorno al (recente) passato nell’undici titolare della Samb a Modena. Dopo aver schierato i suoi con la difesa a 4 nelle prime due uscite della sua seconda gestione tecnica, il tecnico uruguaiano rispolvera il 3-5-2 utilizzato da Zironelli (che tra l’altro a Modena sarebbe stato ex di turno). A supportare D’Ambrosio ci sono Biondi (al posto di Cristini) ed Enrici, ma la vera novità è in porta dove Laborda è preferito a Nobile; sulle fasce Fazzi e Trillò, con Rossi che torna titolare e completa il trio mediano con Angiulli e D’Angelo; davanti Botta e Lescano. Stesso modulo (anche questa scelta a sorpresa) per Mignani, che lascia in panchina elementi dal grande potenziale come Sodinha, Scappini e Monachello. Le due punte Luppi e Spagnoli sono più che sufficienti, però, per far male alla prima occasione perché al 10’ la Samb è già in svantaggio. Azione che si sviluppa sulla fascia destra dei padroni di casa, cross morbido di Muroni e marcatura troppo leggera di Fazzi su Spagnoli, che quasi in spaccata devia in porta segnando il gol dell’1-0, il sesto stagionale. La risposta degli ospiti è nei tanti calci di punizione che si conquistano Botta e compagni, ma le conclusioni del numero 10 e di Angiulli non centrano mai lo specchio della porta. Il primo vero intervento di Gagno è a metà frazione su un colpo di testa di D’Angelo. Poco più tardi Laborda. La squadra di Montero tiene di più il pallone, ma quando il Modena accelera è molto più pericoloso. Al 27’ intervento da futsal per Laborda, che con il piede interviene su un cross basso al limite dell’area piccola. Al 34’ un fuorigioco eseguito male permette a Castiglia di presentarsi a tu per tu col portiere, ma sul pallonetto interviene in extremis Enrici che mette in angolo. Prima dell’intervallo, però, la Samb riguadagna metri e fiducia, presentandosi spesso in area di rigore grazie alle incursioni di Fazzi, ma sui cross del numero 18 non arrivano né Lescano né Trillò. La ripresa inizia con Mignani che effettua due cambi (Monachello e Prezioso per Luppi e Ingegneri) e ridisegna i suoi con l’abitudinaria difesa a 4. Subito un sussulto in area ospite con un innocuo tiro dalla distanza che viene deviato di testa da un ispiratissimo Spagnoli, ma Laborda in controtempo mette in angolo. Il raddoppio dei canarini, però, è solo una questione di tempo. Al 6’ Muroni, libero di calciare dai venti metri dalla sinistra, è bravo a pescare l’angolo alto sul primo palo di Laborda. Mancano 40 minuti da giocare, ma la Samb da qui in poi scompare. Il Modena giostra e affonda a suo piacimento, non avendo problemi a creare occasioni da rete. Se poi ci si mette anche Laborda, che al 22’ regala il pallone a Monachello con una sconclusionata uscita di pugno, ecco che arriva il 3-0. Un disastro l’esordio in campionato del portiere argentino. Quando tutto gira per il verso sbagliato, poi, succede anche che un colpo di testa come quello di Castiglia (al 29’) venga deviato in maniera decisiva da D’Ambrosio: 4-0. Vale soltanto per le statistiche il timbro nel finale di Lescano. Al Braglia la Samb incassa la seconda sconfitta consecutiva, terza nelle ultime cinque partite. Semplicemente un disastro.


Commenti
Condividi questo post: