Miracoli-gol e ancora una vittoria in trasferta: ALBINOLEFFE-SAMB, LA CRONACA


ALBINOLEFFE – SAMB 0-1
MARCATORI: 35’st Miracoli

ALBINOLEFFE (3-5-2): Coser; Gavazzi, Zaffagnini (17’st Gusu), Scrosta; Gonzi, Aniello, Sbaffo (33’st Cortellini), Giorgione, Gelli (33’st Nichetti); Kouko,Colombi (22’st Montella). A disp. Chiriac, Mondonico, Sibilli, Ravasio, Coppola, Di Ceglie, Zucchetti. All. Alvini.
SAMB (3-4-3): Pegorin; Conson, Miceli, Patti; Rapisarda (41’st Mattia), Gelonese (45’st Ceka), Bove, Tomi; Vallocchia (1’st Di Cecco), Miracoli, Valente (22’st Esposito). A disp. Raccichini, Troianiello, Di Pasquale, Demofonti, Candellori, Trillò. All. Capuano.
ARBITRO: Viotti di Tivoli (Badoer-Tribellli).
AMMONITI: 43’pt Sbaffo.
ANGOLI: 5-8.
RECUPERI: 0’-4’.
NOTE: Serata fredda e leggera foschia. Terreno di gioco in ottime condizioni. Samb in completo grigio con inserti rossoblù, Albinoleffe in completo rosso. Presenti 300 spettatori, 98 dei quali provenienti da San Benedetto del Tronto.

Merita, in apertura di cronaca, la spinta di Rapisarda al 12’. Quasi un centometrista: strappa il possesso agli avversari al limite dell’area dopo un cross di Kouko e si presenta dalla parte opposta per aprire verso Valente. L’azione si risolve in un nulla di fatto, ma che bello vedere “il trattorino” arare il campo. La Samb è in palla e si vede anche quando Vallocchia riceve in area una verticalizzazione di Bove: stoppa, ma poi viene atterrato. Non c’è rigore dice Viotti. Kouko e Colombi si trovano alla grande davanti e al 18’ cercano di creare problemi alla retroguardia rossoblù che si salva in corner sul tiro dell’ex settore giovanile dell’Inter. Al 24’ Rapisarda si fa saltare da Gelli e mette in mezzo, la palla sfila e arriva dalla parte opposta a Zaffagnini che tenta la rasoiata senza però trovare la deviazione in scivolata di Colombi e Kouko. È il 34’ quando Gonzi pesca dentro, sorprendendo la difesa ospite, l’intervento di Colombi da pochi passi. C’è il tiro ma c’è Pegorin che quasi respinge di petto, benedicendo il salvataggio di Conson. Partita bloccata, come preventivabile, tra la squadra di Alvini e quella di Capuano. Attenta la difesa della Samb con Conson prezioso in più di una occasione. Il primo vero brivido, dopo il tentativo finalizzato da Kouko ad un passo dalla porta arriva quando Agnello, sulla trequarti, spara in porta non trovando lo specchio e graziando la Samb. Albinoleffe pericolosa nel primo quarto d’ora, è una furia Capuano. Girandola di cambi: entra anche Esposito al posto di Valente per disegnare il 3-5-2, marca di Capuano. E al 24’ la Samb sfiora clamorosamente il vantaggio. Calcio di punizione da posizione defilata, sulla fascia sinistra; si incarica della battuta Gabriele Bove. Il cuoio è telecomandato per la lucida testa di Conson la cui conclusione va a baciare la traversa. Che sfortuna. Sul capovolgimento di fronte, di nuovo, Agnello prova dalla distanza. Stavolta Pegorin accompagna con il tuffo la sfera che si spegne sul fondo, ma che paura… alla mezz’ora la Samb alza i ritmi. Esposito, palla dentro per Miracoli che con il mancino non riesce a chiudere il triangolo. La palla sfila e arriva dalle parti di Bove che prova la botta, trovando un calcio d’angolo. e finalmente dopo 80 minuti di sofferenza e freddo Miracoli spacca la partita. Azione costruita in un fazzoletto sull’esterno dell’area di rigore con Esposito che serve, beffando tre marcatori a lui francobollati, Bove. L’ex Juve crossa e trova la testa di Miracoli che in un primo momento trova l’opposizione di Coser, probabilmente a linea superata. Poco conta, il gigante dell’attacco rossoblù ribatte senza pietà e fa esplodere il settore dei supporters sambenedettesi. Al 46’ Pegorin salva tutto mettendo le ali per andare a togliere da sotto la traversa la conclusione in rovesciata di Kouko.

Condividi questo post: