Minuti: «Convinto che la Samb farà i playoff. Delusione Russotto, ma ha poco spazio»



Pasqualino Minuti, ex allenatore e giocatore rossoblù, è tornato a parlare della Samb e lo ha fatto sulle colonne del Resto del Carlino. Dalla lunga rincorsa partita dal fondo della classifica al modulo di Roselli, l’attuale tecnico del Trodica analizza il momento e si dice ottimista in ottica playoff perchè, tanto: «Una volta dentro, rimane solo da vincere il più possibile». Queste le sue parole:


«Dopo una grande rincorsa come quella fatta dalla squadra di Roselli è normale che si arrivi ad un momento di stasi anche perché dopo un impatto simile, nel quale la Samb ha ottenuto 12 risultati utili consecutivi, è naturale che cali la concentrazione. Di conseguenza si può crollare e nelle ultime uscite la squadra ha attraversato momenti negativi, pur non meritando di perdere con Monza e Ravenna. Tutti gli ultimi allenatori arrivati a San Benedetto hanno finito per giocare a 3. Penso a Magi e Roselli, partiti con la difesa a 4 e passati a una a 5 con il 3-5-2. E penso a Capuano prima di loro. È una mentalità sparagnina e credo sia dovuta alla paura dell’esonero… Non voglio far polemica. Il presidente lo conosciamo tutti. Preferirei dicesse certe cose nello spogliatoio e non alla stampa. Nessuno gli proibisce di fare il presidente poiché è il suo ruolo. E poi io me lo tengo stretto. Dopo tutto quello che abbiamo passato… non è facile trovare una società che paga puntualmente gli stipendi. La Samb ha difficoltà a segnare perché manca di qualità, di uomini abili nell’ 1 contro 1. Mi ha deluso Russotto, anche se non ha trovato granché spazio finora. Per fortuna i rossoblù reggono bene dietro, cosa fondamentale per chi fatica ad andare in gol. Quella contro la Ternana sarà una partita bloccata tra 2 squadre impaurite e in difficoltà. Detto questo, io sono convinto che alla fine la Samb farà i playoff. Da quale posizione non lo so, ma tanto, una volta dentro, rimane solo da vincere il più possibile».

Condividi questo post: