Max Fanesi: «I pm non pensano alla caduta di Luca, dietro la camionetta è accaduto qualcosa»


«Gli inquirenti pensano che Luca non sia caduto accidentalmente, ma abbai riportato delle gravi lesioni in un modo differente». Massimiliano Fanesi parla così al Corriere Adriatico, provando a capire come stiano procedendo le indagini della Procura di Vicenza e su quali aspetti si stiano focalizzando i magistrati vicentini in relazione al caso del fratello Luca, ricoverato all’ospedale San Bortolo dallo scorso 5 novembre. «Il nostro avvocato ha parlato la scorsa settimana con il sostituto procuratore – ha riferito l’ex attaccante e dirigente della Samb – e quanto è emerso lascia intendere che i pm siano convinti che dietro la camionetta della Polizia sia accaduto qualcosa di terribile, non una caduta accidentale».

Redazione

Condividi questo post: