Marchigiane al palo, giù Ancona e Fano. Il Parma soffre ma vince al Tardini


Risultati e marcatori delle avversarie della Samb nel Girone B di Lega Pro. Ducali vincenti all’esordio in casa, tra le marchigiane è la Samb l’unica a portare a casa punti…

FANO – SANTARCANGELO 0 – 2: Continua la marcia degli emiliani che, dopo aver vinto la prima di campionato, strappano tre punti al Mancini di Fano. Padroni di casa in difficoltà e il gioco attento degli ospiti è stato efficace per mandare in rete Cesaretti dopo un’ora. Gli fa eco Carlini al 75’ con il gol che condanna il Fano alla seconda sconfitta consecutiva.

FERALPI SALO' – MODENA 1 – 0:  Gara a senso unico, a dispetto del risultato. Prestazione molto positiva dei lombardi che vendicano la sconfitta della scorsa giornata mettendo in campo tanta grinta. Ci vogliono 68’ prima che il risultato si sblocchi grazie a Romero che, di testa, trasforma un preciso cross di Bracaletti. Numerose sono le occasioni create dai gardesani e non sfruttate per la fortuna di un Modena da rivedere.

FORLI' – PORDENONE 0 – 2: Ancora una friulana condanna il Forlì, stavolta ci pensa il Pordenone (nella prima giornata sconfitta emiliana a Venezia). Primo tempo poco brillante per gli ospiti che soffrono al cospetto della neopromossa. Nella ripresa spacca l’equilibrio del match il brasiliano Azzi (subentrato) che prima imbocca Arma per il vantaggio (60’) poi favorisce l’azione che porterà al raddoppio Berrettoni sette minuti dopo.

GUBBIO – SUDTIROL 1 – 0: Match abbastanza noioso perlopiù contraddistinto da qualche giocata personale. Messo meglio in campo sembra il Gubbio di Magi rispetto ad uno spento Südtirol. Agli eugubinei servono 74’ per trovare la rete-vittoria con Ferretti che trasforma un preciso assist di Candellone.

MANTOVA – VENEZIA 0 – 0: Tanti sbadigli, poca carne al fuoco. Il big match di giornata si può riassumere così. Soluzioni offensive limitate da due difese molto attente (il Venezia non ha ancora incassato reti) e lampi affidati alle intuizioni dei singoli. Dai piedi di Geijo e Soligo le occasioni più ghiotte per gli uomini di Inzaghi, mentre dall’altra parte hanno tentato “Il Mago” Caridi e Marchi, anche loro senza fortuna.

PADOVA – ALBINOLEFFE 1 – 1: L’Albinoleffe deve ringraziare Achille Coser, estremo difensore bergamasco, se dalla gara contro i biancoscudati all’Eugano esce con un punto in tasca. Match nelle mani dei padroni di casa che creano quantità industriale di palle-gol (clamorose in almeno quattro occasioni). Alla prima azione pericolosa, però, sono gli ospiti a trovare il vantaggio con Gonzi. La ripresa vede in campo una sola squadra, il Padova, che pareggia al 67’ con Altinier. Continua il dominio biancorosso fino agli ultimi minuti quando l’Albinoleffe rischia di tornare in vantaggio con Moreo che colpisce il palo a tempo quasi scaduto.

PARMA – LUMEZZANE 1 – 0: Esordio vincente dei ducali al Tardini. Tre punti sofferti contro un avversario ben sistemato in campo che resiste prima alle incursioni iniziali dei vari Scavone, Nocciolini e Lucarelli, poi è fortunato in occasione della traversa di Canini e del palo colpito da Guazzo. A quel punto è Calaiò a decidere che è arrivato il momento di tirare fuori le armi e con una pregevole rovesciata inchioda il risultato sull’1 a 0 a otto minuti dal termine.

REGGIANA – ANCONA 4 – 0: Ancona non pervenuta. I padroni di casa passeggiano su un avversario incapace di resistere agli attacchi portati dagli emiliani. Due reti di Manconi nella prima frazione di gioco (35’ e 38’). Angiulli colpisce un palo prima, prese le misure trova il gol poi. 3 a 0 al 59’. C’è tempo per un altro palo, di Marchi stavolta, e per una traversa di Guidone. Chiude il poker di Nolè al 93’.

TERAMO – BASSANO VIRTUS 1 – 1: Partita viva e divertente al Bonolis. I padroni di casa passano in svantaggio due minuti dopo il fischio iniziale: Maistrello incorna un buon cross di Minesso e buca la retroguardia teramana. Formazione aprutina che si getta a testa bassa alla ricerca del pari che arriva al quarto d’ora con Sansovini che approfitta di un errore difensivo per pareggiare i conti. Ripresa ancora più accesa con la traversa colpita da Sansovini al 78’ da una parte e da Petrella al 92’ dall’altra.

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: