La Femana frena a Campobasso e il Matelica ritrova Evacuo. Harakiri Castelfidardo


Il racconto dell’ultima giornata del girone F: rallenta la capolista, il San Nicolò supera la Vis Pesaro. Disastro Citanò in coda, suicidio Castelfidardo: dall’1-3 al 4-3…

Olympia Agnonese – Castelfidardo 4-3
Come gettare via tre punti già in tasca? Chiedere al Castello. Dopo il vantaggio realizzato al 14’ da Guida, arriva il pari agnonese di Lodi su calcio piazzato a dieci minuti dalla pausa. Negro e Filipponi portano gli ospiti sul 3 a 1 e abbassano i ritmi fino alla mezz’ora: Guida risolve una mischia in area e accorcia. Subito dopo Gragnoli tira in bocca a Molinari un calcio di rigore che para, ma che non può nulla sulle conclusioni di Ricamato e Gragnoli, che si fa perdonare il penalty sbagliato.

Campobasso – Fermana 0-0
Giornata rossoblù in casa molisana e fermento per la visita della prima della classe. La Fermana è lanciatissima verso la Lega Pro, ma va a scontrarsi contro i padroni di casa. Partita viva nella prima frazione in cui è il bomber canarino Molinari ad avere qualche intuizione. Più equilibrio nel secondo tempo dove comunque non cambia il risultato che riporta i gialloblù sulla terra dopo la vittoria sul Matelica di settimana scorsa.

Recanatese – Matelica 0-2
Colpo in trasferta della seconda della classe che rosicchia qualche punto alla capolista Fermana. In settimana l’avvicendamento in panchina ha portato all’allontanamento di Mecomonaco e al ritorno di Clementi, che proprio contro i leopardiani fa il suo “esordio”: la doppietta di Evacuo, in apertura e prima del triplice fischio nella ripresa, regala tre punti.

Vis Pesaro – Monticelli 1-2
Exploit del Monticelli che espugna il campo della Vis dopo aver imposto il proprio gioco nel primo tempo e trovato la rete con Iotti alla mezz’ora. Maggior sofferenza nella ripresa quando i biancorossi provano ad uscire dal letargo con un paio di conclusioni, ma si vedono sprangare la strada dal gol di Giovannini. La fortuna sorride poi agli ascolani perché prima dell’1 a 2, firmato da Falomi, Vallorani aveva colpito una traversa.

Alfonsine – San Nicolò 0-2
Una bella prestazione cui fa seguito un risultato molto positivo della squadra di Epifani che si avvicina sempre più all’obiettivo: consolidare i playoff.  Gara molto combattuta che gli abruzzesi indirizzano subito: Bisegna si incarica di battere un calcio di punizione poco fuori dall’area di rigore e beffa con un tiro preciso, seppur lento, l’estremo di casa. Consolidano la vittoria nella ripresa i biancoazzurri che vanno in rete con Traini.

Pineto – San Marino 1-0
Gara viva e combattuta con il Titano che deve inginocchiarsi ai padroni di casa bravi a capitalizzare al meglio un calcio piazzato. A cinque minuti dal termine, infatti,  con l’incertezza che sembrava voler accompagnare le due squadre fino alla fine, è Ganci che trasforma un calcio di punizione regalando tre punti ai suoi.

Sammaurese – Civitanovese 4-1
Piove  sul bagnato per i rossoblù. In settimana il tecnico Roberto Cevoli si è dimesso, fa il suo esordio il giovane Protti che deve almeno garantire una controllata amministrazione della rosa fino al termine della stagione dove l’obiettivo, più che mantenere la categoria ormai, sembra cercare di non fallire. La Samm mette in evidenza i tanti limiti tecnici degli avversari andando in rete con  Bonandi (12' 20'), e Lombardi nel primo tempo. Marengo accorcia nella ripresa, ma al 73’ Scarponi firma il poker.

Jesina – Vastese  0-1
Il tempo dei saluti di rito ad inizio partita: al 3’ Di Pietro pesca il coniglio dal cilindro e da quasi quaranta metri inchioda il portiere di casa con una bordata incredibile. Un colpo psicologico durissimo per la Jesina che accusa e non riesce a rendersi mai pericolosa. La Vastese accorcia ancora sulla zona playoff che ora si trova a sole cinque lunghezze.

Domenico del Zompo

Condividi questo post: