Il fair play di Magi: «Non mi è piaciuta la gestione dei cartellini. Sono rimasto in campo per vedere i tifosi della Samb»


L’allenatore del Gubbio: «Ora il nostro obiettivo è fare il meglio possibile. Con la società ho già un accordo, credo che resterò qui. Che spettacolo sugli spalti»…

GIUSEPPE MAGI (Allenatore Gubbio): «Oggi l'arbitro ha avuto poco peso nel match, ma un allenatore per vincere deve anche essere fortunato: devo ammettere che non mi è piaciuta la gestione dei cartellini. Questo stadio sa farsi sentire e per me è motivo di orgoglio aver partecipato a questa festa. Credo che la gente si sia divertita perché le squadre si sono affrontate a viso aperto. Sono in sintonia con la società: non c'è l’ufficialità, ma credo che resterò in al Gubbio. Abbiamo vinto un girone con Parma e Samb, il nostro obiettivo è arrivare in finale, fare il meglio possibile. Giocare contro Parma e Samb è, in un certo senso, facile, alla luce del blasone delle società sono quelle partite che, quasi, non c'è bisogno di preparare. Sapevo che avremmo incontrato una squadra incisiva negli ultimi trenta metri, mi è piaciuto il nostro atteggiamento e la voglia di fare la partita. Abbiamo cercato di vincere fin dall'inizio e siamo riusciti a superare un difficile avversario. In ogni caso oggi è stato uno spettacolo sugli spalti, ho aspettato fino alla fine prima di uscire per guardare i tifosi».

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: