Il 2016 inizia con un punto: 1-1 con la Fermana


SAMB – FERMANA 1 – 1

MARCATORI: 2'pt Degano, 5'pt Sabatino.

 

LE FORMAZIONI

SAMB (4-3-3): Pegorin ('96); Montesi ('96), Salvatori, Conson, Flavioni ('97); Sabatino, Barone [40'st Fioretti], Raparo (11'st Baldinini), Palumbo, Sorrentino, Titone [31'st Pezzotti]. A disposizione: Reali, Tagliaferri, Casavecchia, Forgione, Candellori, Vallocchia. Allenatore: Ottavio Palladini.

FERMANA (4-3-1-2): Olczak ('96); Sene ('97), Comotto, Bossa, Gregonelli ('96) [18'st Russo ('96)]; Cossu, Omiccioli, Urbinati 15'st Misin); Iotti ('95); Molinari, Degano. A disposizione: Cascione, Aristei, Carrieri, Cremona, Forò, Passalacqua, Pero Nullo. Allenatore: Osvaldo Jaconi.

ARBITRO: Bertelli di Busto Arsizio (Vitale-Fumarola).

AMMONITI: 9' Cossu, 35' Bossa, 44' Raparo, 45'st Palumbo.

ANGOLI: 7 – 6.

RECUPERI: 1' – 3'.

NOTE: Cielo coperto, la pioggia inizia a cadere poco prima del fischio del direttore di gara, l'aria è fredda, 10° circa. Samb in divisa rossoblù; Fermana in tenuta gialla con inserti blu. Terreno di gioco si presenta in buone condizioni, leggermente appesantito dal maltempo degli ultimi giorni. Presenti circa 4500 spettatori, di cui circa 300 provenienti da Fermo

La Samb non va oltre il pari contro i canarini di Jaconi, che passano subito in vantaggio grazie ad una punizione di Degano. Per i rossoblù risponde Sabatino. Nella ripresa grande occasione sprecata da Titone…

È un pareggio che grida vendetta quello tra Samb e Fermana. Gara che si decide nei primi minuti quando al gol di Degano, su calcio di punizione, risponde il colpo di testa di Sabatino.

I tifosi fermani annunciano il proprio arrivo facendo esplodere diverse bombe carta in curva sud, applausi irriverenti del pubblico di casa. In campo c'è Raparo mezzala sinistra del centrocampo disegnato da Ottavio Palladini, Jaconi opta per una formazione più coperta rispetto al tridente annunciato durante la settimana, in avanti si vedono solo Molinari e Degano. Avvio shock per la Samb. Molinari viene atterrato poco dopo la trequarti campo, il direttore di gara assegna il calcio di punizione che si incarica di battere Degano, il tiro non è particolarmente potente, ma si infila alle spalle di Pegorin, partito in leggero ritardo. Passano meno di tre minuti e Sabatino riporta subito i suoi sui binari giusti: preciso traversone di Barone che pesca il centrocampista in corsa, il colpo di testa è fatale per Olczak, 1 a 1. La Fermana sparisce dai radar, i rossoblù imbastiscono manovre su manovre, senza tuttavia riuscire ad arrivare alla conclusione. Al 21' gli ospiti beneficiano di un calcio di punizione dal vertice destro dell'area: Degano batte bene e pesca l'angolo, Pegorin si supera sfoderando una parata clamorosa. Alla mezz'ora Samb pericolosa con Barone bravo a cercare ancora Sabatino dalla fascia destra con un preciso cross, stavolta la conclusione è imprecisa e la sfera termina sul fondo. Al 35' azione insistita dei rossoblù sulla fascia destra con uno scambio rapido tra Montesi e Palumbo, che viene atterrato da Bossa: calcio di punizione battuto dal solito Barone, Olczak è costretto ad impegnarsi per deviare. Un minuto dopo Sorrentino, nell'area piccola, riceve dalla fascia sinistra, cade a terra Comotto, il centravanti infila ed esulta, ma l'arbitro annulla la rete per il fallo subito dal difensore canarino. La prima frazione si chiude con un pareggio che sta stretto alla Samb per quanto messo in campo, ospiti capaci di affidarsi solo ai calci piazzati e ai lanci lunghi verso Molinari e Degano. Secondo tempo che si apre in maniera confusa con le due squadre statiche a centrocampo in attesa di riordinare le idee. Riprende le redini del gioco la Samb ad una intensità decisamente inferiore rispetto a quanto visto il primo tempo, dal canto loro gli avversari non spingono certo sull'acceleratore. Samb vicina alla rete in tre occasione: prima Barone, con una bordata dalla trequarti, poi Titone per due volte, clamorosa quella al 18' minuto con il pallone finito alle stelle a qualche metro dalla porta. Alla mezz'ora si fa vedere la Fermana dalle parti di Pegorin, il cross di Gregorelli viene intercettato da Conson e deviato in angolo. Al 34' ancora Fermana con Degano che impegna Pegorin in un difficile intervento, il portiere risponde in tuffo toccando con la punta delle dita. Clamoroso al 44' sugli sviluppi di un angolo battuto da Pezzotti, è Salvatori, solo in area, a colpire, ma la conclusione termina fuori. Calcio di punizione canarino nel primo minuto di recupero sul quale Pegorin si supera alzando sopra la traversa. Non c'è più tempo, il risultato finale è quello acquisito nei primi minuti di gioco. Rossoblù con l'amaro in bocca: dopo un buon primo tempo cala l'intensità, poca lucidità sotto porta. Festeggiano gli ospiti, che strappano un punto preziosissimo in chiave salvezza.

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: