Fidejussione a salire in base al monte ingaggi e norme sui contratti: l’esito dell’incontro in Lega


Giovedì mattina la Samb ha partecipato all’incontro previsto dalla Lega Pro con le nove società promosse dalla Serie D. Gravina e Cosentino hanno illustrato diverse novità…

L'INCONTRO – Si è tenuto giovedì mattina, presso la sede della Lega Pro a Firenze, il primo incontro con le 9 società che hanno staccato il pass per la Terza Serie: Bellinzago, Piacenza, Venezia, Parma, Gubbio, Sambenedettese, Viterbese, Virtus Francavilla e Siracusa. Dopo il saluto di Gabriele Gravina, Presidente della Lega Pro e di Antonio Cosentino, Presidente della D, la riunione ha previsto una serie di incontri su tematiche riguardanti l'area legale, le Licenze nazionali e il bilancio per le società professionistiche. Per la Samb, erano presenti il segretario amministrativo Giancarlo Palma e l'avvocato Andrea Gianni.

GLI ARGOMENTI – I vertici della Lega Pro hanno confermato alle società neopromosse che la fidejussione per l'iscrizione al prossimo campionato sarà di 350 mila euro, ma soltanto se il monte ingaggi della squadra non supererà il milione e mezzo di euro. Entro il limite dei due milioni di monte ingaggi la garanzia bancaria che dovrà essere versata, infatti, sarà di 500 mila euro; 750mila euro fino ad un tetto di tre milioni. Altra grande novità è quella relativa ai contratti dei singoli calciatori: i premi, infatti, non potranno superare il tetto di retribuzione ordinaria dello stesso calciatore. E' stato, poi, presentato anche il "front office Lega Pro": una sorta di sportello per fornire servizi e informazioni ai club e per seguirli nelle varie tappe.

Redazione

Condividi questo post: