Dalla promessa Livieri ai gol di Guerra: ecco la FeralpiSalò, mix letale di gioventù ed esperienza


La (breve) storia della società del presidente Pasini, le ambizioni e la voglia di fare bene. Dal modulo di gioco agli elementi di spicco: il prossimo avversario della Samb al microscopio…

CENNI STORICI – Tra i Pro è una delle squadre più giovani, fondata nel 2009 dalla fusione di A.C. Salò e A.C. Feralpi Lonato viene ammessa in Lega Pro Seconda Divisione. L’anno seguente si piazza in seconda posizione e viene promossa dopo aver vinto i playoff. Dal 2010 l’ambiziosa società in capo al presidente Giuseppe Pasini ha ottenuto risultati finali altalenanti con una salvezza al primo anno di Lega Pro Prima Divisione, una salvezza tranquilla nel 2012-2013 e l’ammissione al girone unico della vecchia Serie C grazie alla nona posizione nel campionato 2013-2014.

 ANTONINO ASTA – Il tecnico dei verdeazzurri è un buon conoscitore della categoria dopo, con un occhio sempre rivolto alla valorizzazione dei giovani. Con un passato da centrocampista tra Monza, Torino, Napoli e Palermo e una presenza nella nazionale maggiore, ha guidato le giovanili del Torino per sette stagioni, prima di passare al Monza, dove aveva già transitato da giocatore per due stagioni, per poi accasarsi al Bassano. Una fugace apparizione al Via del Mare di Lecce prima della chiamata in riva al Garda alla guida della Feralpi.

IN CAMPO – Tra i pali c’è Nicholas Caglioni, scuola bergamasca con una carriera divisa tra Salernitana, Pro Patria, Modena, Crotone e Lecce. Il secondo è l’ex primavera Milan Alessandro Livieri. Originario di Lanciano, proprio con la Virtus ha giocato per sei stagioni in carriera, è l’esperto centrale difensivo Antonio Aquilanti. Dopo aver strappato la conferma di Allievi per la fascia sinistra e Tantardini a destra, è arrivato l’onnipresente Gambardetti, abile sia sulle fasce che al centro della difesa. Grande esperienza in Serie B per il centrocampista classe ’83 Andrea Bracaletti supportato dal boliviano Gamarra, giovanissimo classe ’97 cresciuto nelle giovanili del Milan. Dalla B arriva anche l’elemento che tira le fila del reparto nevralgico di Asta: Lorenzo Staiti, 29enne ex Virtus Entella. Il reparto offensivo nasce e si sviluppa intorno l’esperto Andrea Bracaletti, imprevedibile esterno offensivo dalle mille risorse. Jolly offensivo, originario di Piacenza, è Simone Guerra. Tanta gavetta per lui, che con Staiti ha diviso l’esperienza con l’Entella in B ed ora si trova sul Garda a guidare la Feralpi.

IL MODULO E LA TATTICA – Il gioco del tecnico Antonino Asta non è forse dei più brillanti, ma è certo tra i più efficaci perché si basa sulla forza della difesa e la rapidità dell’attacco. Il modulo, speculare a quello di Ottavio Palladini, è un lineare 4-3-3 con gli esterni difensivi impiegati principalmente con mansioni di copertura, rare volte fungono da supporto tattico agli attaccanti esterni. In avanti centrocampo e attacco si fondono nelle operazioni di sfondamento lasciando dietro, a garanzia difensiva il solo Staiti, con il compito di tappare eventuali ripartenze avversarie.

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: