Da colonna a tabù rossolù: da avversario Marini non ha mai perso al Riviera. Lui: «Emozioni forti»


La Samb non è mai riuscita a battere le squadre del difensore fanese (in rossoblù tra il 2011 ed il 2013). Il centrale: «Complimenti a Palladini, con lui c’è un forte legame umano»…

Che lo abbia calcato da giocatore della Samb o da avversario fa poca differenza: ad Alex Marini il Riviera delle Palme prota bene. Gli incroci di Poule Scudetto hanno permesso al talentuoso difensore di tornare nel Tempio del Tifo per il secondo anno di fila da avversario dopo essere stato giocatore della Samb per due stagini (nel 2011/12 e 2012/13). Come nella passata stagione con la Maceratese la trasferta di San Benedetto ha riservato un ottimo risultato alla sua squadra: il 26 aprile 2015 finì 1-1 (reti di Tozzi Borsoi su rigore e Kouko), domenica è andata anche meglio con l'1-0 firmato da Conti. Risultati che hanno permesso al difensore di confermarsi imbattuto al Riviera dopo il 2-0 maturato il 13 marzo 2011 tra la squadra allenata da Palladini e la Jesina (autogol di Covelli e rete di Invernizzi). Questa l'intervista a fine partita rilasciata da Marini.

«Adesso mi godo questa bella vittoria e vedremo dove porterà questa poule. Quando finirà penserò a riposarmi. Tornare qui a giocare è veramente qualcosa di emozionante, ho giocato due stagioni fantastiche a San Benedetto e per me è qualcosa che resterà impresso nella memoria e ci tenevo a salutare la mia ex tifoseria, è stato un momento veramente emozionante. Ho fatto i complimenti a Palladini per la bella annata che ha portato a termine, è stato formidabile. C'è un rapporto che va al di là di quello sportivo tra noi: con le difficoltà che abbiamo vissuto in quel periodo si creano legami forti anche a livello umano. La Samb poteva avere la meglio quando Titone ha fatto quella bellissima giocata, ma si è trovato Volpe davanti che gli ha sbarrato la strada ».

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: