Basta Conson per allungare ancora: 1-0 all’Amiternina


SAMB – AMITERNINA 1 – 0

MARCATORI: 39'pt Conson.

 

LE FORMAZIONI

SAMB (4-3-3): Pegorin ('96); Pettinelli ('96), Conson, Salvatori, Flavioni ('97); Baldinini [25' Pezzotti], Barone [45'st Raparo], Sabatino; Titone, Sorrentino ('95), Palumbo [18'st Forgione]. A disposizione: Mazzoleni, Tagliaferri, Montesi, Carminucci, Candellori, Raparo, Fioretti. Allenatore: Ottavio Palladini.

AMITERNINA (4-3-1-2): Di Vincenzo; Lenart, Mucciarelli, Di Ciccio ('95), Gizzi [28'st Tinari ('98)]; Di Paolo ('98), Severini [32'st Santilli], Di Alessandro D. ('97) [19'st Piccirilli ('99)]; Marcotullio; Terriaca, Giordano ('96). A disposizione: Pantarotto, Tinari, Di Alessandro M., Morra, De Santis, Di Francesco, Postiglioni. Allenatore: Candido Di Felice.

ARBITRO: Capezzi di Valdarno (Saviano-Nuzzi).

AMMONITI: 21'pt Conson, 24'pt Sabatino, 34'pt Giordano.

ANGOLI: 5 – 2.

RECUPERI: 2' – 4'.

NOTE: Giornata molto soleggiata e clima gradevole con 17° gradi. Magliatta bianca con innesti rossoblù, pantaloncini e calzettoni bianchi per la Samb. Divisa giallorossa per l'Amiternina, calzettoni e pantaloncini rossi.

Un gol del difensore nel finale del primo tempo permette alla Samb di ottenere il ventesimo risultato utile consecutivo. Il Matelica perde a Castelfidardo: ora bastano 5 punti per la matematica…

Nella domenica che avvicina la Samb alla Lega Pro lo spettacolo migliore è quello che si vede sugli spalti: Nord piena e Sud coloratissima con quasi 2000 bambini a fare il tifo. Prestazione della capolista piuttosto anonima: i rossoblù si fanno bastare il gol del bomber che non t'aspetti, Diego Conson. Per la matematica mancano solo 5 punti.

La Samb ritrova Barone in mezzo al campo e Palumbo sull'esterno destro offensivo. Amiternina col coltello tra i denti e avvio di gara subito vivo con i rossoblù in avanti: al 7' Di Vincenzo deve disinnescare un lancio di Sabatino, per vie centrali, destinato a Palumbo. Il gioco lascia trasparire profonde differenze tra le due squadre, ma le carenze abruzzesi sono decisamente colmate da una motivazione chiamata “salvezza”. Il peso dell'attacco sambenedettese è importante e quando l'azione si sposta nella metà campo ospite la retroguardia aquilana soffre. Dal ventesimo calano i ritmi, forse complice l'anomalo caldo e le folate offensive sono affidate al gioco dei singoli. Palladini non è contento della prestazione, traspare dal suo nervosismo, non manca di correggere e guidare il gioco dalla panchina. Al 39' la Samb si conquista un calcio d'angolo dopo un'azione insistita di Baldinini. Barone si incarica della battuta: il destro calibrato del centrocampista trova l'impatto con la testa di Conson che infila senza pietà, Samb in vantaggio. Brivido qualche minuto dopo con Pegorin che si conquista la pagnotta: Di Paolo, dal vertice destro dell'area rossoblù, crossa per la testa di Terriaca, la girata è precisa, ma l'estremo difensore si allunga e respinge con la mano sinistra, grande intervento. La prima frazione di gioco si esaurisce dopo un calcio di punizione ospite, dalla fascia destra, respinto senza problemi da Pegorin. Il secondo tempo si apre con un'azione costruita sull'asse Sabatino-Titone: il centrocampista riceve da Barone e triangola per l'esterno, sulla sinistra, ancora uno scambio poi il lob alzato a superare la difesa e il mancino al volo di Titone, palla fuori. È molto blando il pressing imposto dai rossoblù così l'Amiternina ne approfitta e cerca di invadere la metà campo avversaria, ma senza fortuna e trovando costantemente l'opposizione dei centrali di marcatura. Al 23' ancora Sabatino & co. si rendono pericolosi in avanti: Sorrentino riceve sulla sinistra, porta il pallone sul fondo poi mette in mezzo per Forgione, sponda di testa per Sabatino, solo davanti a Di Vincenzo. Si immola Gizzi ed evita un gol sicuro. Alla mezz'ora Pezzotti trova il gol dal limite dell'area, ma l'arbitro annulla: a detta del direttore di gara Sorrentino era in posizione di offside, sulla traiettoria del tiro. Ritmi decisamente bassi e folate offensive affidate esclusivamente ai più freschi subentrati Pezzotti e Forgione, con l'Amiternina che schiera il giovanissimo Piccirilli, fermato in un paio di occasioni da Flavioni. Al 42' viene annullato un altro gol alla Samb: calcio di punizione di Pezzotti dalla fascia sinistra, proprio davanti alla panchina di casa, la palla arriva in area per la testa di Titone che buca Di Vincenzo. Lo stadio esplode, ma Capezzi di Valdarno gela tutti annullando. La gara termina con la Samb che riesce, grazie al minimo sforzo, ad ottenere il massimo risultato: a Castelfidardo cade il Matelica e il divario aumenta toccando quota 14 punti. La Lega Pro, per la Samb, inizia ad assumere contorni sempre più solidi.

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: