Aridità: si sente già a casa «Bellissimo far parte della Samb. Possiamo giocarcela con tutti»


Per il portiere abruzzese è la prima esperienza fuori dai confini regionali. Trattativa lampo per approdare in rossoblù: «Un paio di giorni con la squadra e ho subito firmato il contratto»…

Il mestiere del portiere è tra i più difficili nel mondo del calcio. San Benedetto è, per antonomasia, fucina di numeri "Uno" e, in caldo, c'è: Fabio Pegorin. Con lui hanno iniziato la stagione Alberto Frison, tanta esperienza in A e B, ma alle prese con un problematico infortunio e l'ex Juniores Raccichini (Classe 2000). Da qui la scelta della società di ricorrere al mercato svincolati per implementare un altro elemento esperto ed affidabile: Vincenzo Aridità.

Che prospettive possono esserci in una Lega Pro a tinte sambenedettesi?

«Le prospettive sono quelle di fare bene. Voglio prima recuperare al meglio la forma fisica per mettermi nelle condizioni di essere sempre pronto. – Una trattativa lampo – Mi hanno chiamato, il mister e il direttore sportivo, e sono venuto ad allenarmi qui. Dopo due o tre giorni con il gruppo mi hanno proposto il contratto e ho subito accettato».

Pegorin, Frison e Aridità: una roulette per decidere chi dovrà ricoprire il ruolo di "secondo" e chi di "terzo" portiere.

«Adesso sono un portiere della Samb e sono a disposizione del mister».

Una scelta difficile, quella di accettare una piazza così calda dopo lo stop nella scorsa stagione.

«L’anno scorso sono rimasto fermo, allenandomi per conto mio con un preparatore a Lanciano, ora non ho certo i novanta minuti nelle gambe, ma ci sto lavorando».

Che effetto fa una Samb così in alto in quella che era la Serie C?: 

«C’è un bel gruppo e ci si allena sempre al meglio e con grande ottimismo. Sarà un’esperienza importante e qui giocare è bellissimo: contro il Sudtirol ho visto una cornice di pubblico incredibile e sentire tutta quella gente cantare è veramente emozionante».

Circostanze di presentazione a parte, sabato la Samb è chiamata ad una difficile sfida: 

«Il Bassano fa del collettivo la sua forza, ma la Samb, nell’ultimo mese, ha macinato risultati importanti: se questa squadra è in testa alla classifica non è certo un caso. Siamo consapevoli di potercela giocare con tutti coscienti e che, sbagliando il meno possibile, potremo dare del filo da torcere anche al Bassano. Contro il Padova c’era grande organizzazione di squadra mentre contro il Sudtirol abbiamo sofferto un po’, ma lavoreremo con il mister per migliorare».

Domenico Del Zompo

Condividi questo post: