Arezzo-Samb 2-3, LA CHIAVE TATTICA | La giusta spavalderia



AREZZO-SAMB 2-3, LA CRONACA

ZIRONELLI: «SIAMO QUINTI, GLI ALTRI PARLINO PURE»

SERAFINO: «ORGOGLIOSO DELLA MIA SQUADRA»

Ci ricordiamo di Mauro Zironelli come un allenatore che sa far giocare le sue squadre, capaci di impostare la manovra, di esprimersi senza timori e con la giusta dose di spavalderia e di spregiudicatezza. Questo si è visto in pieno ad Arezzo contro una formazione destinata a risalire la classifica e che nelle ultime settimane si è rafforzata con calciatori di categoria. Il ripristino dei due attaccanti più un trequartista ha indubbiamente fornito maggiore peso offensivo, spostando il baricentro in avanti e sfruttando quello che sicuramente è il reparto più pregevole della rosa. Chiaramente si è rischiato qualcosa, ma è giusto che questa Samb giochi sempre per vincere, visto che è dotata di qualità e calciatori che vedono la porta, compresi i centrocampisti. Certamente vanno rispettati gli equilibri, vanno considerate le energie a disposizione e anche in certi casi lo spessore dell’avversario, per cui nella ripresa quando le forze cominciavano a ridursi e la squadra rischiava di allungarsi, ha fatto bene Zironelli a inserire D’Angelo (poi addirittura rivelatosi decisivo) al posto di Lescano. Così come un plauso va indubbiamente fatto al mister per essersi costruito in casa gli esterni (Masini e Malotti), che fanno al caso suo e che cercano quella profondità, venuta spesso a mancare in passato. Insomma questa Samb non è solo Botta, ma sta sempre più diventando un collettivo, in cui, per evitare di sfiancare gli attuali pilastri in mediana (Angiulli e Shaka), potrebbero anche ritrovare spazio dopo i rispettivi infortuni Rocchi (solo uno scampolo di gara per lui a Ravenna) e Chacon. Oltretutto col recupero di Scrugli (in progresso nelle ultime prestazioni) e Bacio Terracino a Zironelli non mancheranno alternative per proporre una squadra camaleontica in grado di interpretare più moduli e di sorprendere gli avversari.

TUTTE LE NOTIZIE SULLA SAMB


Condividi questo post: