Adesso rialzarsi subito: il commento di Alessio Perotti dopo Teramo-Samb


Per l’ennesima volta in questa stagione la Samb si è fatta mettere sotto da un avversario di modesta caratura: Sanderra deve rispondere di scelte sbagliate fatte non solo in campo…

Non va oltre le quattro partite il ciclo positivo inanellato da Pezzotti e compagni, beffati sul filo di lana da un Teramo che ha avuto il merito e la determinazione di crederci sino alla fine. Come era già capitato in occasione della sconfitta casalinga contro il Forlì la Samb, dopo aver raddrizzato l’incontro sull’asse Mancuso-Bacinovic, si è fatta infilzare dal raddoppio avversario proprio quando ormai si attendeva solo il triplice fischio finale. Continuano a subire gol (i due odierni con eccessiva leggerezza) i rossoblu nelle trasferte della gestione Sanderra, con la quale però hanno il merito di aver sempre centrato la porta avversaria (stavolta sfruttando finalmente una palla inattiva). Ciò che doveva essere assolutamente evitato nelle battute conclusive soprattutto per la prestanza dei due centrali difensivi, tra cui proprio capitan Speranza era l’unico reduce dell’ultimo scontro diretto al Bonolis del 2011/12 finito 1-1, era subire calci da fermo e conseguenti spioventi nella propria area: così non è stato ed ecco la Samb uscire amaramente con le pive nel sacco da questa attesa sfida. Probabilmente nei minuti conclusivi in particolare occorreva più fisicità in campo sulla sponda rossoblu (altro che Bernardo…) e una maggiore robustezza sulla mediana per tenere alta la linea della squadra: in questo senso Sanderra non ha affatto letto correttamente la gara, rinunciando di fatto al terzo cambio prima che la frittata fosse cucinata. Sullo stesso tecnico rossoblu inoltre cominciano a pesare le sue scelte di mercato con gli arrivi caldeggiati di Agodirin e dello stesso Bernardo, che davvero poco stanno offrendo alla causa sambenedettese. Peccato perché ancora una volta la Samb si fa mettere sotto da una formazione di modesta caratura, come successo con Ancona, Maceratese e Forlì, lasciando per strada punti, che avrebbero fatto molto comodo. Un errore da evitare assolutamente nel turno infrasettimanale contro il Lumezzane al Riviera, che per fortuna offre a Pezzotti e compagni la possibilità di rialzarsi subito da questo bruciante K.O.

Alessio Perotti

Condividi questo post: