A Chieti una tappa chiave, il punto di Alessio Perotti


Dai tre minuti della sfida con la Recanatese che sono costati il filotto alla Samb targata Palladini alla prossima – delicata – sfida di campionato contro i neroverdi, passando il mercato…

L’ennesima goleada propinata all’Agnonese (dopo i poker degli ultimi tre precedenti al Riviera è persino arrivato il pokerissimo) ha materializzato il sesto successo negli ultimi sette incontri, quelli della gestione Palladini. E sarebbe stato filotto senza quegli orribili tre minuti passati con la Recanatese dal penalty fallito da Barone all'eurogol di Mariani. Acqua passata comunque non macina più, anche se fa bene il buon Ottavio a tenere quella partita come una sorta di “memento” per non far dimenticare ai suoi la durezza e l'imprevedibilità di un campionato, che purtroppo ormai a San Benedetto è fin troppo conosciuto. E giustamente per pararsi da possibili sorprese la società in accordo col mister sta provvedendo a completare al meglio il mosaico rossoblu, fornendo le alternative necessarie al fine di mandare in campo sempre una formazione altamente competitiva e non lasciare altri preziosi punti per strada. Così dopo l’ottimo colpo di Baldinini ne è stato piazzato un altro, peraltro nell’aria già da una decina di giorni, con Raparo, allestendo di conseguenza un centrocampo, reparto decisivo per le sorti di una squadra come ci insegna la storia calcistica, davvero coi fiocchi. E l’ex Folgore probabilmente, stante la squalifica di Barone, esordirà già proprio a Chieti, dove avrebbe dovuto giocare mercoledì scorso con la sua vecchia squadra, magari avendo l’opportunità di vendicarla per la sconfitta rimediata nei minuti finali e la vergognosa aggressione subita nel post-gara. Il fato si è ulteriormente divertito, perché domenica prossima Sabatino e compagni si troveranno di fronte quel pericoloso centravanti che, chissà, la prossima settimana potrebbe diventare un loro compagno di squadra. Non sarà certo facile convincere la società neroverde, specie dopo la doppietta con cui Dos Santos ha regalato il successo ai teatini contro la Folgore, ma il centravanti brasiliano, tesserato come extracomunitario, solo militando in una squadra promossa dalla D diventerebbe comunitario in Lega Pro: ecco che quindi l’opportunità professionale per l’attaccante sarebbe veramente allettante. Al di la’ del mercato, dal quale la Samb si aspetta anche una punta under da alternare a Sorrentino, c’è da stare concentratissimi sulla sfida in terra abruzzese, che rimembra singolar tenzoni di Serie C e che per i rossoblu rappresenta una tappa vitale. Perché contemporaneamente si affrontano le due inseguitrici Matelica e Fano e perché poi la Samb a cavallo delle festività godrà di altri due appuntamenti casalinghi. Non sarà facile, visto che la formazione di Ronci ha appeno messo il piedino in zona play-off, ha aggiunto Fiore nel motore, è valida sia tecnicamente che soprattutto agonisticamente e all'Angelini è stata messa sotto solamente dalle prodezze dell'ex Esposito. Dovrà quindi essere una Samb attentissima e da battaglia quella che duellerà con i teatini, capace di gettare il cuore oltre l’ostacolo, come soleva dire mister Rumignani, per confermare i suoi numeri da record in formato trasferta.

Alessio Perotti

Condividi questo post: