Sanderra vara la Samb anti-Pordenone: «Li aggrediremo molto alti per non farli giocare»


Il Pordenone va alla ricerca di punti per raggiungere il secondo posto e la Samb vuole il sesto, entrambe cercano la vittoria con un orecchio rivolto agli altri campi. Il tecnico conferma l’ossatura della squadra…

Domani arriva il Pordenone in visita al Riviera delle Palme e i rossoblù sono pronti a ricevere l'avversario:
«L’ossatura della squadra sarà quella vista contro l’Ancona. Giocano abitualmente con un trequartista, ma questo non deve crearci fastidi: se il play si alza bene facendo quel lavoro oscuro visto la scorsa settimana e, in più, si aggiungesse qualche accorgimento tattico, non dovremmo soffrire troppo. È fondamentale che tutti lavorino, se qualcuno molla poi andiamo incontro a difficoltà. Non dobbiamo farci ingannare dalle loro assenze: si tratta di una squadra forte e costruita per vincere con quello che credo sia il più forte centrocampo della categoria, verranno qui per conquistare il secondo posto mentre noi vogliamo il sesto. Ci teniamo a finire questo campionato facendo una bella figura davanti al nostro pubblico. Qualche difetto ce l’ha anche il Pordenone e credo che sia una delle squadre con più gol fatti. È logico che potrebbero scoprirsi per questo e noi dobbiamo giocare con concentrazione ed equilibrio e riproporre l’abnegazione nella realizzazione di entrambe le fasi. Mi aspetto una prestazione sul modello Ancona. La squadra deve essere sempre concentrata: in queste partite finali la lucidità è fondamentale. Il mio proposito è sempre quello di attaccare la partita riducendo tempi e spazi all’avversario: il Pordenone va aggredito in modo che non riesca a ragionare e una volta conquistata la palla dobbiamo ripartre facendo il nostro gioco».

La chiusa è riservata ai playoff:
«Per come si sono messe le cose probabilmente incontreremo o Gubbio o Reggiana, ma potremmo trovare anche altre squadre, a seconda degli incroci di risultati. Chiunque troveremo sarà un osso duro, ma anche noi metteremo in difficoltà il nostro eventuale avversario. Credo che i playoff siano una storia a parte che cancella il campionato già fatto e dà la possibilità di ripartire da zero».

 

Domenico del Zompo

Commenti
Condividi questo post: