Samb e Ancona: vincere per salvare la stagione. Per i dorici tre giocatori convocati in Procura Federale


Un sospiro di sollievo per i rossoblù che non perdono punti in classifica. Nei guai i padroni di casa che, oltre a vedere sempre più da vicino la Serie D, devono fare i conti con una indagine che li vede implicati…

I fischi, la contestazione e i cori di domenica scorsa porteranno la Samb a giocare sulle uova al Del Conero. La partita, non fosse per la rivalità tra le tifoserie, assume contorni importanti. I rossoblù non possono non vincere innanzitutto per prendersi un posto nei playoff, poi per vendicare la sconfitta all’andata e infine per cercare di tendere una mano verso i tifosi, stanchi della crisi di risultati figlia, in diverse occasioni, di prestazioni molto al di sotto delle aspettative. Non vive meglio l’Ancona che è reduce da tre risultati utili consecutivi, ma che soffre tanto dal punto di vista societario. È infatti arrivata in mattinata, abbinata al proscioglimento della Samb, la penalizzazione di un punto per i dorici. Questo li mette nella scottante posizione di dover necessariamente strappare i tre punti alla Samb per poter tenere accese le ultime, flebili, speranze di salvarsi. L’Ancona è, ora, a -5 dal Fano e ha bisogno di collezionare sei punti nelle prossime due gare (Samb e Forlì in trasferta), ultime della regular season, sperando di poter rientrare a sudarsi la salvezza nei playout. La situazione non è per niente leggera soprattutto perché insieme alla penalizzazione, l’ammenda di 10mila euro e le diffide di Mancini e Miani è arrivata la convocazione della Procura Federale rivolta a Bambozzi, Cacioli e Paolucci. Ufficialmente poco è dato a sapersi, ma i giocatori sarebbero stati chiamati a conferire per reperire “[…] informazioni riguardanti l’attuale campionato”, le date degli interrogatori non sono state ancora fissate. È molto difficile che questo riguardi la vicenda dei sospetti di combine su Parma-Ancona.

Domenico del Zompo

Condividi questo post: