Il Porto può sognare, Grotta verso la salvezza


Alla vigilia della quartultima giornata di campionato le due squadre biancazzurre, divise da soli tre punti in classifica, si trovano ad affrontare situazioni differenti. Per la matricola Pd’A la salvezza sembra ormai acquisita, mentre i ragazzi allenati da Zaini devono sudare ancora qualche punto per chiudere il discorso…

Il conto alla rovescia è già iniziato da qualche settimana. In Eccellenza per tante squadre è già tempo di bilanci: c'è chi ha definitivamente accantonato le speranze di salvezza come il Portorecanati (ultimo della classe con otto punti di distanza dalla Forsempronese) e chi come la Biagio Nazzaro si trova in un limbo non sa né di play-off né di play-out. Non è questo il caso, però, di Porto d'Ascoli e Grottammare.

 

IL PORTO – La squadra di Filipponi, matricola rivelazione del torneo sin dalle prime giornate, si trova in sesta posizione, alle spalle del Monticelli che occupa l'ultimo piazza che vale gli spareggi promozione. La distanza dal quinto posto è significativa: quattro punti da recuperare in quattro giornate non sono pochi. A strizzare l'occhio ai biancazzurri più ottimisti, peròm ci pensa il calendario. Il Pd'A nei prossimi due incontri affronterà Portorecanati (in casa) e Urbania (fuori): raccogliendo sei punti si potrebbe assottigliare – se non annullare – la distanza da almeno una delle squadre che sono più avanti, prima di giocarsi tutto nelle ultime due di campionato.

 

IL GROTTA – Situazione differente per il Grottammare, che pure segue i cugini biancazzurri a solo tre punti di distanza. In una classifica cortissima nelle posizioni medio-basse, però, la squadra di Zaini deve soltanto pensare a racimolare qualche punto per chiudere nel più breve tempo possibile il discorso salvezza. Anche in questo caso fondamentali saranno le prossime due domeniche: il primo impegno in programma non è dei più semplici (in casa con il Vismara), ma dopo il punto strappato a Tolentino il Grotta sa bene che in questo finale di stagione sono le motivazioni a fare la differenza. Tra meno di dieci giorni, poi, ci sarà lo scontro-verità con la Forsempronese, attualmente penultima e chiamata ad una complessa risalita.

 

Daniele Bollettini

Condividi questo post: