Grande Samb per 20 minuti, poi il vuoto: al Tardini il Parma passa in rimonta 4-2


PARMA-SAMB 4-2
MARCATORI:
17’pt Bernardo, 21’pt Sorrentino, 27’pt Baraye, 32’pt Calaiò, 2’st e 19’st Munari.

PARMA (4-3-3): Frattali; Iacoponi, Di Cesare, Lucarelli, Nunzella; Munari (35’st Giorgino), Scozzarella (41’st Corapi), Scaglia; Baraye, Calaiò, Nocciolini (18’st Mazzocchi). A disposizione: Zommers, Saporetti, Corapi, Sinigaglia, Ricci, Simonetti, Messina, Edera, Fall. Allenatore: Roberto D’Aversa.
SAMB (4-4-2): Pegorin, Rapisarda, Mori, Radi, N’Tow; Mancuso, Bacinovic (1’st Sabatino), Damonte, Lulli; Bernardo (35’st Latorre), Sorrentino (24’st Di Massimo). A disposizione: Aridità, Di Pasquale, Di Filippo, Agodirin, Candellori, Mattia, Vallocchia. Allenatore: Stefano Sanderra.
ARBITRO: Perotti di Legnano (Mokhtar-Lombardo).
AMMONITI: 16’pt Baraye, 18’pt Bernardo, 40’pt Pegorin, 17’st Di Cesare, 45’st Radi
ANGOLI: 8-3.
RECUPERI: 1’-4’.
NOTE: Cielo coperto e temperatura che si aggira sui dieci gradi. Campo di gioco in ottime condizioni. Parma in completo bianco, croce blu sul petto; Samb in divisa verde. Spettatori: abbonati 9193, paganti 1046 di cui 273 provenienti da San Benedetto. Incasso di 56.525,93 €.

I rossoblù si sgonfiano dopo un avvio di gara devastante: uno-due Bernardo-Sorrentino, ma poi i crociati annientano la squadra di Sanderra, che incassa il secondo ko di fila…

PARMA-SAMB 4-2
MARCATORI:
17’pt Bernardo, 21’pt Sorrentino, 27’pt Baraye, 32’pt Calaiò, 2’st e 19’st Munari.

PARMA (4-3-3): Frattali; Iacoponi, Di Cesare, Lucarelli, Nunzella; Munari (35’st Giorgino), Scozzarella (41’st Corapi), Scaglia; Baraye, Calaiò, Nocciolini (18’st Mazzocchi). A disposizione: Zommers, Saporetti, Corapi, Sinigaglia, Ricci, Simonetti, Messina, Edera, Fall. Allenatore: Roberto D’Aversa.
SAMB (4-4-2): Pegorin, Rapisarda, Mori, Radi, N’Tow; Mancuso, Bacinovic (1’st Sabatino), Damonte, Lulli; Bernardo (35’st Latorre), Sorrentino (24’st Di Massimo). A disposizione: Aridità, Di Pasquale, Di Filippo, Agodirin, Candellori, Mattia, Vallocchia. Allenatore: Stefano Sanderra.
ARBITRO: Perotti di Legnano (Mokhtar-Lombardo).

Al Tardini dura poco il sogno della Samb: i rossoblù dopo venti minuti sono avanti di due gol, ma poi subiscono la rimonta dei crociati ed incassano la seconda sconfitta consecutiva.

Eppure in avvio non ce n’è per la corazzata di Roberto D’Aversa: la partenza della Samb è devastante e gli ospiti inanellano tre azioni da rete una dietro l’altra. La più clamorosa su calcio d’angolo, con Damonte che da pochi passi non riesce a deviare in rete un colpo di testa di Bernardo. Mancuso al 17’ scappa sulla fascia a Nunzella. Il cross taglia tutta l’area di rigore e arriva sui piedi di Sorrentino che tenta la conclusione: il palo si frappone tra lui e la gloria, ma Bernardo ribadisce in rete. Exploit sambenettese completato nel giro di tre minuti: Mancuso per Sorrentino, che manda al bar Lucarelli con un paio di finte e poi fulmina il portiere parmigiano sul suo palo. Tutto vero: Samb avanti 2-0 al Tardini. La gloria, tuttavia, è passeggera e i supporters ospiti crescono nell’incitamento degli undici in campo fino al gol di Baraye che riapre i giochi. Poco distante dal centrocampo rossoblù Bacinovic viene atterrato da Nocciolini che recupera e apre per il dieci di casa, implacabile dopo un breve scatto lungo la prateria scoperta dalla difesa della Samb, nell’infilare Pegorin in diagonale. Al 32’ Calaiò completa la rimonta gialloblù: l’attaccante riceve un lancio di Scozzarella ed è bravissimo a chiudere in porta dopo aver aggirato Pegorin in dribbling. Il portiere rossoblù è poi protagonista quando si ritrova costretto a compiere un’uscita fuori area su Baraye: l’intervento dell’estremo difensore sembra puntuale, ma viene punito dall’arbitro con un’ammonizione ed una punizione dall’esito negativo per i locali. Inizia la ripresa con Bacinovic rimpiazzato da Sabatino e e il Parma che trova subito il 3-2: Baraye la fa da padrone sulla sinistra e serve Nocciolini, abile a pescare di sponda Munari inseritosi tra le maglie della difesa ospite. Samb in bambola, vulnerabile ad ogni affondo dei padroni di casa, che compiono un altro passo verso la vittoria al 19’: errore in uscita del centrocampo di Sanderra e gol 4-2 firmato ancora da Munari. Sanderra butta in campo Di Massimo, richiamando un buon Sorrentino: il giocatore di proprietà del Pescara, si sistema sull’out mancino, Bernardo si posiziona al centro dell’attacco. Alla mezz’ora ennesima occasione parmigiana: troppa leggerezza per Radi che si fa rubare palla da Munari, che serve Calaiò. L’attaccante di casa cincischia e quando arriva al tiro trova l’opposizione di Mori, che di tacco salva sulla linea bianca. Una Samb poco lucida tenta comunque il tutto per tutto: dentro Latorre per Bernardo, ma ormai la partita ha poco da dire con i padroni di casa che hanno già tirato i remi in barca. Primi venti minuti spettacolari, per il resto una Samb troppo brutta per essere vera: al Tardini il finale è 4-2.

Domenico del Zompo

Condividi questo post: