Il fallimento del 2005, l’arresto di Piccioni, il ripescaggio di quest’anno: la storia della Vis


Nella nostra rubrica sul prossimo avversario della Samb qualche cenno storico sulla Vis Pesaro, quest’anno ripescata in Serie D insieme al Castelfidardo…

UN CLUB STORICO – La Vis Pesaro è una delle squadre più antiche d'Italia: esattamente l'undicesima. Il club nasce con il nome di Vis Sauro Pesaro e si occupava di sport vari: pallone col bracciale, nuoto, atletica e calcio. Fino agli anni Venti la società biancorossa milita nei campionati regionali, successivamente la Serie C e la Serie D sono il palcoscenico del campo sportivo Benelli: nel 1968/69 viene stata sfiorata la promozione in serie B. Nel '84 la Vis sprofonda in Eccellenza, ma dopo pochi anni torna tra i professionisti. Nel '93 la società fallisce e dalla Serie C1 scende fino in Serie D. Il ritorno in C1 avviene nel 1998/99.

IL FALLIMENTO E L'ARRESTO DI PICCIONI – Nell'estate 2005 la Vis Pesaro, retrocessa in C2, viene nuovamente esclusa dal campionato e rischia di ripartire dalla Promozione; solo grazie alla fusione di altre società del posto la Vis torna in Eccellenza. Proprio nelle ultime ore, in riferimento ai fatti avvenuti a Pesaro tra il 2004 ed il 2005, è stato arrestato l'ex giocatore ed allenatore della Samb Enrico Piccioni, che in quel periodo ricopriva il ruolo di allenatore e dirigente per la formazione vissina. L'accusa formulata nei suoi confronti dalla Corte d'Appello di Ancona è di bancarotta fraudolenta. Nella stagione 2010/11, comunque, vincendo i play-off nazionali, la Vis torna in Serie D. Nel 2014/15 i pesaresi retrocedono in Eccellenza, ma nell'estate vengono ripescati assieme al Castelfidardo. Il presidente della Vis Pesaro è Claudio Pandolfi, allenatore della prima squadra è Simone Pazzaglia.

LA TRASFERTA – Le gare interne della Vis Pesaro si svolgono al “Tonino Benelli”: campo sportivo con capienza di 4.800 posti, costruito nel 1927 dal presidente vissino Romolo Rifelli. Tonino Benelli era un motociclista pesarese morto durante una gara. Per andare a Pesaro si deve prendere la A14 in direzione nord, uscire a Pesaro; dopo 14 km circa in direzione Nord si trova lo stadio Benelli. Tempo di percorrenza: 1 ora e 38 minuti; costo complessivo della trasferta: 57,66 €, di cui 18,60 di pedaggio autostradale.

ADA

Condividi questo post: