Fedeli tra Pordenone e AlbinoLeffe: «Dobbiamo giocare sempre come sabato»


La notizia nella notizia, nel dopo Pordenone, è la soddisfazione del presidente Franco Fedeli. Soddisfatto del gioco, arrabbiatissimo per l’arbitraggio:

«L’umore è buono. C’è rammarico anche perché il Padova poi ha pareggiato. Io non voglio mai arrivare secondo nella vita. Però sono state sbagliate cose che avrebbe visto anche un cieco, mi fa pensare a male, diciamo… Le squalifiche? Il giudice sportivo deve decidere sulla base di quello che l’arbitro scrive».

Si guarda al prossimo futuro, l’AlbinoLeffe:

«In trasferta riusciamo a fare risultato speriamo di riuscirci anche stavolta. I ragazzi sanno che se giocano come contro il Pordenone non ce n’è per nessuno».

Uno come Franco Fedeli, senza peli sulla lingua, fa i complimenti anche ad Ezio Capuano.

«Fino ad ora i risultati gli danno ragione. A parte la partita conro il Bassano sembra stia facendo un buon lavoro. Domenica mi sono lamentato dicendo che abbiamo in dieci: io voglio giocatori motivati in campo. C’è una rosa di giovani molto interessanti e non dobbiamo temere niente».

Commenti
CHIUDI